Ibra, Messi, Neymar, Cavani, Verratti… Come il PSG dice addio alle sue stelle sotto QSI



2023: Verratti si trasferisce senza saperlo di sua spontanea volontà

Mentre faceva di tutto per far partire Marco Verratti, che non voleva andarsene, il PSG ha reso un commovente omaggio all'italiano il 15 settembre 2023, due giorni dopo l'annuncio della cessione. il suo trasferimento all'Al-Arabi in Qatar. Prima della partita contro il Nizza, tutti i giocatori e lo staff, nonché i prestatori di servizi, gli hanno fatto il picchetto d'onore, indossando una maglietta con la scritta « Grazie Marco ».

Sui maxischermi del Parco dei Principi è andato in onda uno spot che ripercorre la sua carriera parigina, insieme ai messaggi registrati dai suoi ex compagni, Blaise Matuidi, Ezequiel Lavezzi, Thiago Motta, Javier Pastore, Zlatan Ibrahimovic e Thiago Silva. “Ho passato undici anni meravigliosi. È un gesto (l'omaggio) che resterà nel mio cuore»ha dichiarato commosso Verratti, prima di concludere il suo giro d'onore.

Ha fatto una lunga sosta davanti alla curva dell'Auteuil dove erano in mostra i trofei vinti al PSG. “Un decennio di magia, 30 trofei con il Paris” et “un monumento intitolato a Marco Verratti” aveva affisso gli ultras parigini, gli stessi che in primavera lo insultarono davanti alla sede del club e ne pretesero la partenza.

2023: Messi fischia

Non è stata una serata il 3 giugno 2023, l'ultima partita di Campionato e ultima uscita di Lionel Messi con la maglia parigina per le grandi celebrazioni al Parco dei Principi, l'atmosfera è speciale una settimana dopo il grave incidente a cavallo del portiere parigino Sergio Rico. È stato anche dopo una nuova sconfitta casalinga (2-3 contro il Clermont) che il PSG ha dovuto festeggiare l'undicesimo titolo della sua storia.

Poco prima nella giornata, il club aveva ufficializzato la partenza di Messi, fischiando. L'argentino è stato lesto ad abbandonare il campo mentre i suoi compagni non hanno rischiato nemmeno il giro della vittoria.

2023: Neymar, dall'infermeria al Campus

Infortunato contro il Lille il 19 febbraio 2023, Neymar ha giocato la sua ultima partita ufficiale con il PSG quel giorno al Parc. Ma il 3 giugno, giorno dei “festivi”, se la partenza di Messi sarà confermata, la sua non è ancora sul tavolo. Sarà il 15 agosto. In un comunicato stampa Nasser al-Khelaïfi, il presidente del PSG gli ha reso omaggio: “È ovviamente difficile dire addio a una leggenda del club. »

READ  Adi Hütter, allenatore del Monaco: “Un grande passo avanti”

Così difficile che si è dovuto accontentare di un video del club due giorni dopo, durante la sua ultima visita al campus del PSG a Poissy : Neymar abbraccia diversi giocatori, tra cui Kylian Mbappé, prima di passare attraverso la guardia d'onore. Il suo connazionale Marquinhos lo ha abbracciato più a lungo prima che tutti prendessero posto per l'ultima foto di gruppo.  » Grazie mólto «  scivola “Ney”, in francese.

2020: Thiago Silva, lacrime amare

Il Covid obbliga, L'addio di Thiago Silva al Parco si è svolto il 21 luglio 2020 davanti a soli 4.000 spettatori, in un'amichevole contro il Celtic Glasgow, prova finale prima della finale della Coupe de France contro il Saint-Étienne, un mese prima della sua ultima partita, la finale di Champions League contro il Bayern Monaco. In lacrime, ha salutato i tifosi: “È una storia che ho scritto. I miei figli sono cresciuti qui in Francia… anch'io sono cresciuto, non solo come giocatore, ma come uomo. »

Ma nel febbraio 2021 ha espresso la sua amarezza: “Anche nel mezzo di una pandemia, avevano tre mesi per pianificare gli addii. Non è stato fatto nulla. Non ero lì solo per una stagione o qualche mese. Ero lì da otto anni, come capitano… »

2020: Cavani doppiamente privato dell'addio

Privato dell'addio al PSG dopo sette anni di convivenza e 200 gol, Edinson Cavani pensava di chiudere il cerchio il 19 ottobre 2020 con il Manchester United, dove ha firmato all'inizio del mese dopo essere stato trattenuto dai campioni di Francia. Francia. “Le cose non accadono per caso. Sarà un momento bello ed emozionante”, aveva immaginato una settimana prima. Ma il suo allenatore Ole Gunnar Solskjaer non lo ha selezionato per la trasferta a Parigi.

L'uruguaiano, all'epoca capocannoniere della storia del club, giocò la sua ultima partita ufficiale l'11 marzo (ritorno degli ottavi di finale di C1) contro il Dortmund prima di rifiutarsi di prorogare di due mesi per disputare la « Final 8 ». A inizio ottobre sui social aveva parlato: “Sono qui per ringraziarvi. Dopo un po' di tempo, sì, è vero. A volte è bene lasciar passare un po' di tempo. Rende le cose più calme, la tua testa è più calma. E c’è meno rischio di creare un’atmosfera più negativa. Sono qui per ringraziare tutti. Per ringraziare i tifosi, che mi hanno donato il loro cuore, piano piano, nel tempo. È un amore cresciuto nel tempo, ma per me è importante. »

READ  Shirine Boukli e Sarah-Léonie Cysique in corsa per il bronzo all'Astana Grand Slam

2018: Pastore il tesoro con la famiglia

Trasferito alla Roma dopo sette stagioni al PSG, Javier Pastore ha ricevuto l'autorizzazione dal suo club, il 13 agosto 2018, per recarsi a Parigi, che ha ospitato il Caen in apertura del Campionato. Il centrocampista argentino è stato premiato nell'intervallo. Entrato in campo con la moglie e i due figli, prima di essere accolto dai suoi ex compagni, l'uomo che era uno dei beniamini del Parco è stato applaudito calorosamente.

Il presidente del PSG, Nasser al-Khelaïfi, gli ha consegnato un trofeo con il suo numero 27. “Grazie mille per tutti questi anni trascorsi qui, ha detto commosso il giocatore al pubblico. Ho costruito la mia famiglia qui, ci siamo sposati qui. Rimarrai sempre nel mio cuore, anche tu sei la mia famiglia. »

2016: Ibrahimovic in maestà

Come ha sempre detto, Zlatan è più grande del PSG. Per l'addio al Parco, contro il Nantes il 14 maggio 2016, “Ibra” mostra il suo eccesso. Dopo il picchetto d'onore dei suoi compagni all'ingresso in campo, l'omaggio ha flirtato con la caricatura. Al decimo minuto (in riferimento al suo numero di maglia), con la sorprendente approvazione della LFP, l'arbitro ha interrotto la partita per una standing ovation del Parco.

Lo svedese porta poi i suoi due figli, a metà partita, in campo, sotto lo sguardo stupito del popolo di Nantes e degli arbitri… prima di andarsene di propria autorità durante il recupero – senza essere sostituito, White avendo ha già effettuato tre cambi, poco dopo il suo secondo gol della serata, sinonimo di record assoluto stagionale nel campionato francese per un giocatore del PSG (38, contro 37 di Carlos Bianchi). Seguiranno i fuochi d'artificio che festeggeranno il quarto scudetto consecutivo del PSG, anzi di Zlatan, che tornerà in campo, tra i suoi sudditi, prima di salutare il pubblico.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *