Iga Swiatek: “Un torneo surreale”



 » Terzo vittoria consecutiva al Roland-Garros, per un totale di quattro. Quinto titolo del Grande Slam. Che cosa significa questo per voi?
Molto. Questo torneo è stato un po' surreale con questo secondo turno contro Naomi Osaka (dove salva un match pointNota dell'editore). Ma ho saputo alzare il mio livello partita dopo partita. Sono davvero orgoglioso di me stesso, soprattutto perché ero abbastanza atteso da questo torneo. Avevo molta pressione. Sono davvero felice di aver gestito tutto e di aver vinto.

Pensi di aver giocato una partita perfetta in finale?
Per quanto mi rompa all'inizio del match, non direi che sia stato perfetto, no. Ma rispetto a tutta la pressione che circonda una finale, direi che è stata una bella partita.

“Per quanto mi sia rotto all'inizio della partita, non direi che è stato perfetto, no. »

Cinque anni fa non riuscisti a superare la qualificazione a Roma. Ed eccoti qui con cinque titoli del Grande Slam. È successo tutto molto velocemente, vero?
È pazzesco, sì. Ho l'impressione che nel tennis sia un po' uguale per tutti. Bisogna superare questi momenti in cui non puoi entrare in un torneo, in cui sei costretto a giocare nel circuito ITF. Ma è vero che per me è successo tutto velocemente. I miei progressi sono stati rapidi e non mi sono mai fermato. Ne sono molto orgoglioso. Sì, è strano, ma d'altra parte avevo quanto… 18 anni…

READ  Ibrahima Sissoko lascerà lo Strasburgo a fine stagione

Parli spesso della pressione che ti pesa. Sei tu che te lo imponi o viene da fuori?
In effetti, mi metto sotto pressione a causa della pressione che sento intorno a me. Inoltre, sono un perfezionista, quindi mi metto facilmente sotto pressione. Quando faccio qualcosa, e non solo in campo, lo dico al 100%. Ma questa pressione, la mia, riesco a gestirla bene. È quando arriva dall’esterno che è più complicato. Ma qui ho fatto bene.

“Sono un perfezionista, quindi mi metto facilmente sotto pressione. Quando faccio qualcosa, e non solo in campo, lo dico al 100%. »

Il tuo primo titolo è stata una grande sorpresa. Ora ne hai quattro al Roland Garros. È un bonus di esperienza che ti aiuta ancora di più nei momenti difficili? Sì, aiuta nei momenti in cui lo stress si insinua in una partita. Perché non è perché fosse la mia quinta finale del Grande Slam che non ero stressato. Non funziona così, purtroppo. Quindi sì, l’esperienza aiuta. In qualche modo è più facile essere l'outsider, ma sento che sto ancora gestendo tutto bene.

READ  Laszlo Bölöni (Metz) sul suo futuro: “Non toccare questo argomento, perché mi fai male”

Hai vinto titoli a Madrid, Roma e Roland-Garros. Hai imparato qualcosa su te stesso durante questa folle serie?
Ad essere sincero, ho imparato che potevo farcela. Otto settimane fa, quando sono partito per giocare la Billie Jean King Cup, era difficile pensare che sarei rimasto lontano da casa per così tanto tempo. Stavo guardando il calendario sul mio telefono e mi chiedevo come avrei potuto sopravvivere, sembrava pazzesco. Ma eccomi qui… In realtà, ho imparato che se mi piace la vita in campo, se mi piace stare a Madrid, a Roma e qui, questo mi manterrà fresco. Ma ora dovrò riprendermi da tutta questa fatica. E solo allora vedremo quali sono i progetti per il prato. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *