Il governo degli Stati Uniti pagherà 139 milioni di dollari alle vittime di Larry Nassar



Martedì il governo americano ha annunciato che pagherà quasi 139 milioni di dollari a più di un centinaio di ginnaste vittime di violenza sessuale commesse dall'ex medico della nazionale Larry Nassar. L'accordo porta a oltre un miliardo di dollari il risarcimento economico pagato alle vittime delle azioni dell'ex medico, di cui 500 milioni dalla Michigan State University.

Il risarcimento concesso dal governo è una risposta a denunce presentate da numerose vittime che hanno accusato la polizia federale (l'FBI) di non aver condotto un'operazione “indagine adeguata”ha spiegato il Ministero della Giustizia in un comunicato stampa. “Queste accuse avrebbero dovuto essere prese sul serio fin dall’inizio”ha riconosciuto Benjamin Mizer, assistente del ministro. “Anche se questi accordi non annulleranno il danno inflitto dal signor Nassar, speriamo che aiuteranno le vittime dei suoi crimini a ottenere il sostegno fondamentale di cui hanno bisogno per continuare la loro guarigione”. »

Nel luglio 2021, un rapporto dell’ispezione generale del Ministero della Giustizia ha concluso ciò “Errori fondamentali” dagli agenti responsabili delle prime indagini.

Più di 250 vittime

Larry Nassar ha usato la sua autorità medica per aggredire sessualmente più di 250 ginnaste, la maggior parte delle quali minorenni, all'interno della Federazione americana di ginnastica, alla Michigan State University e in un club di ginnastica. Le prime accuse contro di lui furono inviate nel luglio 2015 all'ufficio dell'FBI a Indianapolis. Ma l’indagine è stata presto abbandonata e ci è voluto un altro rapporto, nel maggio 2016, perché la polizia federale avviasse nuove indagini.

READ  Christophe Laporte cade durante la 5a tappa del Giro

Nassar sta attualmente scontando l’ergastolo dopo essere stato condannato nel 2017 e nel 2018 per due decenni di violenza sessuale. Tra le sue tante vittime ricordiamo la campionessa olimpica Simone Biles.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *