Il grande terremoto di Lisbona del 1755: il primo disastro naturale moderno


Il terremoto di Lisbona è spesso citato come l'incipit del moderno disastro naturale in quanto contrasta con i disastri precedenti le cui origini furono attribuite a forze soprannaturali. Questo tragico momento segnò una svolta nella storia segnando l’inizio di un’era in cui l’umanità prese coscienza dei pericoli reali e inevitabili dei fenomeni naturali.

Panico in città

È la mattina del 1 novembre 1755 a Lisbona, Portogallo. E' ancora molto presto. La giornata dovrà essere dedicata alla celebrazione religiosa della Toussaint, ma molto rapidamente la storia prende una svolta drammatica. Intorno alle 9:40, la terra comincia a tremare, scuotendo violentemente la città al ritmo di tre serie di devastanti scosse sismiche. I residenti, sorpresi e disorientati, si precipitano in strada mentre gli edifici intorno a loro cominciano a crollare. Tuttavia, questo è solo l'inizio della tragedia.

IL incendi poi scoppiò quasi istantaneamente e si diffuse rapidamente per tutta la città, le fiamme alimentandosi di detriti e materiali infiammabili provenienti dagli edifici devastati.

Intanto coloro che si erano rifugiati nelle chiese per la Messa di Ognissanti si ritrovarono intrappolati nelle strutture medievali impreparati a resistere alla forza del terremoto. Le vecchie mura si stanno sgretolando, seppellendo i fedeli sotto le macerie. Polvere e fumo oscurano il cielo e grida di disperazione riempiono l'aria, mentre i sopravvissuti cercano disperatamente aiuto e segni di vita tra le rovine.

Terremoto di Lisbona
Le rovine di Lisbona. I sopravvissuti vissero per un certo periodo in tende ai margini della città, come mostrato in questa incisione tedesca del 1755. Crediti: Wikipedia

Un'onda di sei metri a Lisbona

Proprio quando si pensa che l'orrore sia giunto al culmine, il mare si ritira improvvisamente, lasciando scoperte le banchine del fiume Tago. Questo strano fenomeno, però, non è un sollievo: è presagio di catastrofe imminente. UN tsunami gigantesco e mortale incombe all'orizzonte e si precipita verso la costa con forza devastante.

READ  James Webb rileva la fusione di buchi neri più distante finora

Questo tsunami, un'onda alta sei metri, si abbatte poi violentemente sulla città, travolgendo tutto ciò che incontra. Le strade si trasformano in fiumi turbolenti, portando con sé vite e proprietà nella loro scia devastante. Interi quartieri sono sommersi, le case ridotte a detriti galleggianti, mentre il panico e il caos regnano sovrani.

Quando finalmente la violenza dell'evento si calma, Lisbona non è altro che un campo di rovine, le sue strade disseminate di corpi e i suoi edifici ridotti a cumuli di macerie. Il bilancio umano è spaventoso fino a 50.000 morti e migliaia di feriti. La città è irriconoscibile e il suo paesaggio urbano, un tempo maestoso, si è trasformato in un paesaggio apocalittico di desolazione.

IL grande terremoto di Lisbona divenne rapidamente uno dei peggiori disastri naturali della storia europeasegnando una svolta nella percezione di questi eventi e nel loro impatto sulla società.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *