Il Manchester City vince contro il Tottenham e fa un passo da gigante verso il titolo



La partita: 0-2

Se qualche dubbio c'era, è stato tolto fin dai primi minuti di questo Tottenham-Manchester City: gli Spurs hanno giocato la partita per vincerla e Rodrigo Bentancur ha acceso la prima miccia, con una potente conclusione sbattuta di Ederson (6°). I londinesi, 5° in Premier League, avevano ancora la speranza di tornare sull'Aston Villa (4°) nella corsa alla Champions League e questo obiettivo ha prevalso sulla volontà della maggioranza dei loro tifosi, che volevano vederli perdere contro i Citizens per privare i loro nemici Arsenal del titolo di campione d'Inghilterra.

Organizzati in un blocco molto compatto, dominante a centrocampo ed efficiente nel pressare su ogni lancio di palla dei Mancuniens, gli uomini di Ange Postecoglou mettono in difficoltà quelli di Pep Guardiola privandoli del possesso palla prima dell'intervallo. Ma nonostante la buona prestazione, il portiere Guglielmo Vicario ha dovuto dare il massimo contro i due lampi di Phil Foden (16°) e Kevin De Bruyne (47°). E controcorrente, dopo una perdita di palla da parte degli Spurs e una transizione mancuniana, il belga ha fatto la differenza con un cross perfetto per Erling Haaland (1-0, 51esimo).

La partita si è poi fatta più complicata per gli Spurs, in primo luogo perché a Postecoglou mancavano soluzioni in panchina, a differenza di Guardiola, ma anche perché il pubblico del Tottenham Hotspurs Stadium ha iniziato a festeggiare questo risultato, che ha segnato la fine delle speranze di titolo dell'Arsenal, il rivale storico.

READ  Il Lille domina il Metz e sale al terzo posto provvisorio in Ligue 1

Dopo aver subito uno shock alla testa, Ederson è stato sostituito da Stefan Ortega nella porta mancuniana (68esimo), che ha causato un periodo di incertezza, ma il portiere tedesco è stato decisivo davanti a Dejan Kulusevski due volte (71esimo, 80esimo), e soprattutto vincendo un caldo faccia a faccia con Heung-Min Son (86esimo). Il Manchester City ha poi ottenuto un rigore grazie a Jérémy Doku trasformato da Haaland (90°+1), poi ha difeso ferocemente il proprio vantaggio, come se fosse una finale. E un po' è stato così, perché il titolo, il sesto nelle ultime sette stagioni, è ormai nelle loro braccia: non gli resta che battere in casa il West Ham domenica.

Il giocatore: Haaland clinico

Tutti sanno che Erling Haaland non ha bisogno di cinquanta occasioni per segnare, ma il suo rapporto contro il Tottenham non era affatto male: due gol, due gol. Quando De Bruyne si è presentato al cross, poco dopo l'intervallo, il norvegese ha fatto l'azione perfetta in area toccando la sua prima palla all'interno dei 16 metri e spingendola a porta vuota (1-0, 51esimo). Poco ritrovato altrimenti, piuttosto prominente nel lavoro difensivo, l'ex attaccante del Dortmund ha raggiunto l'essenziale segnando il suo 26esimo gol stagionale in Premier League, probabilmente il più importante, poi il 27esimo su rigore nel finale di partita (90esimo + 1 ), per segnare le sorti del Campionato.

READ  Alexis Lebrun e Jianan Yuan nella final four del doppio misto al Grand Smash di Jeddah



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *