Il Nantes domina Braila ai rigori e finisce 3° in Europa League



Non c'è niente come i calci di rigore per far dimenticare, almeno per un momento, le emozioni più crudeli. Era solo una partita per il 3° posto in Europa League, ma la gioia delle donne del Nantes è stata grande, questa domenica a Graz, quando Marine Dupuis è riuscita al 6° tentativo della sua squadra, dopo una parata di Floriane André contro Jelena Zivkovic, di regalare loro vittoria sui romeni di Braila (33-33, 6-5 in tabellone).

L'allenatore Helle Thomsen ha urlato rabbiosamente davanti alla sua panchina, Léna Grandveau era in lacrime nella mischia, prima di andare tutti insieme a cantare davanti ai quaranta tifosi che avevano fatto il lungo viaggio in Austria.

Pensavano di rivivere l'incubo di Storhamar

Non si erano ancora ripresi il loro crollo nei minuti finali della semifinale sabato contro lo Storhamar (27-28 dopo essere stato in vantaggio per 27-25), e credevano di rivivere lo stesso incubo. Dominanti fin dall'inizio (7-2, 9°), i Nettuno hanno vagato fino a essere sette lunghezze avanti (19-26, 41°), prima che colpisse il buco nero.

Non è quello che cercavano in Austria, ma questo terzo posto allevia un po' le loro preoccupazioni prima delle ultime due partite di campionato di questo gruppo i cui dirigenti e allenatore si disperderanno quest'estate. « La serata e la mattinata sono state difficili, questa partita dimostra che i giocatori sono forti, salutò Helle Thomsen. Nella nostra stagione ci sono stati alti e bassi, ma penso che questa medaglia l’abbiamo meritata. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *