Il Paris pareggia ai supplementari contro l'Asvel e si regala la partita decisiva in casa



Elettricità e indecisione incombono su questa semifinale tra il Paris, questo contendente a sorpresa dai denti lunghi, con un appetito risvegliato dai due titoli storici collezionati quest'anno (Leaders Cup, Eurolega), e l'Asvel, questo vecchio veterano con 21 corone di campione di Francia , ansioso di non concludere la sua prima stagione senza titolo dal 2018. Questa partita a 4 non poteva quindi che sfociare nell'irrazionale, e non mancava. Ed è stato il neofita parigino, grazie al suo leader TJ Shorts, MVP della stagione (34 punti, 13 assist) a uscire vittorioso (103-98) al termine dei tempi supplementari di giovedì.

Gli uomini di Tuomas Iisalo possono ancora sognare di vincere la prima finale del Campionato francese della loro storia. Avranno una breve giornata per rigenerare il corpo prima della partita decisiva in casa sabato (ore 19).

Messi in difficoltà fin dalla vittoria del primo turno (94-81) nello scenario dell'Adidas Arena, con le spalle al muro perché erano in vantaggio per 2-1 nella serie, i parigini hanno mostrato un enorme carattere per resistere nella finale dopo aver preso il controllo della partita trovando nuovi difetti grazie a questo gioco di transizione frenetico che gli avversari erano riusciti a fermare durante gli ultimi due shock. I nuovi onnipresenti, Edwin Jackson (24 punti), Mbaye Ndiaye (25 punti) e Joffrey Lauvergne (10 punti, 8 rimbalzi) non hanno potuto resistere alla furia parigina nel finale.

READ  Doppietta americana a La Baule



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *