Il piano di ritorno del campione su Marte subisce una profonda revisione


La NASA è alla ricerca di un nuovo modo per riportare sulla Terra i suoi preziosi campioni da Marte. Con un programma attualmente stimato tra gli otto e gli undici miliardi di dollari, l'agenzia spaziale americana si trova di fronte a grossi ostacoli finanziari e logistici.

Ritorno di campioni da Marte: troppo lungo, troppo costoso

La missione Ritorno del campione su Marte della NASA, che mira a riportare i primi campioni marziani sulla Terra, aveva già subito diversi mesi fa un'importante revisione volta a semplificarne l'architettura. Originariamente previsto con un rover di recupero e due lander, il piano è stato rivisto per eliminare il rover e richiedere un solo lander.

Perseveranza, attualmente su Marte, sarebbe stato responsabile di collocare i campioni raccolti in un razzo di ritorno. In caso di problemi con Perseverance, sarebbero stati inviati sul posto anche due nuovi elicotteri come opzioni di backup. Quest'ultimo, di dimensioni simili a Ingenuity, sarebbe stato dotato di piccole ruote per raccogliere campioni da terra e consegnarli al lander.

Questo approccio semplificato mirava quindi a ridurre la complessità e i costi della missione, garantendo al contempo il successo del recupero dei campioni marziani per il loro ritorno sulla Terra. Tuttavia, sembra che questo non sia sufficiente. Il piano della missione rimane ancora troppo costoso con un budget attualmente stimato più di dieci miliardi di dollari.

Inoltre, questo approccio potrebbe solo consentire alla NASA di riportare indietro i suoi campioni la fine degli anni ’30. Sappiamo però che la Cina ha ambizioni simili e che il progetto cinese potrebbe farlo potenzialmente superiore a quello americano.

READ  Il Nantes domina ampiamente il PSG nella finale della Coupe de France
campioni Marte campione ritorno
Illustrazione del piccolo razzo che rilascia la capsula contenente i campioni. Crediti: NASA/JPL-Caltech

Una revisione approfondita

All'a riunione tenutasi il 15 aprile, i responsabili della missione hanno quindi annunciato la loro intenzione di sollecitare proposte da parte dei centri della NASA e dell'industria per design innovativi, l'obiettivo è quello di poter portare a termine la missione in tempi più brevi e con un budget inferiore. La sfida è quindi significativa.

Si noti che questa RFP mira a esplorare approcci alternativi per elementi specifici della missione come il lander per il recupero dei campioni o il razzo Mars Ascent Vehicle (MAV) responsabile della messa in orbita dei campioni. Le proposte verranno esaminate e successivamente verranno aggiudicati i contratti per studi di 90 giorni.

Nicola Fox, amministratore associato per la scienza della NASA, ha anche chiarito che l'obiettivo non è necessariamente sviluppare nuove tecnologie, ma piuttosto trovare soluzioni legacy e comprovate. Ad esempio, verranno condotti studi per esplorare la possibilità di creare un veicolo di ascensione più piccolo e meno costoso.

Infine, questo nuovo piano prevede anche l’estensione della durata di vita di Perseverance. Concretamente, sarebbe autorizzato a completare l'esplorazione del terreno attorno al cratere Jezero e a ritornare sul fondo di quest'ultimo nel 2028 dove entrerebbe in uno stato di riposo in attesa dell'arrivo del lander per il recupero dei campioni.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *