Il più piccolo mammifero della storia visse 53 milioni di anni fa


La scomparsa di dinosauri quella non aviaria avrà segnato l’inizio di una competizione senza precedenti per il dominio planetario tra i mammiferi, considerati i nuovi sovrani della Terra. All'interno di questa nuova gerarchia, alcuni si distinguevano per le loro dimensioni microscopiche.

Il più piccolo mammifero mai esistito

Batodonoides vanhouteni è un piccolo mammifero insettivoro vissuto durante l'Eocene circa 53 milioni di anni. Questa affascinante creatura è stata scoperta nelle formazioni geologiche Wasatchian del Wyoming e nell'Uintan della California nel 1998. Sebbene le informazioni su questo mammifero siano limitate a causa della rarità dei suoi resti fossili, le scoperte finora effettuate hanno suscitato grande interesse tra i paleontologi e gli appassionati di vita antica sulla Terra.

Batodonoides vanhouteni viene spesso definito il più piccolo mammifero terrestre mai scoperto. Questa caratteristica si basa principalmente sulle dimensioni estremamente ridotte dei suoi denti che misurano meno di un millimetro. Le sue reali dimensioni corporee rimangono oggetto di dibattito a causa della difficoltà di stimare la sua portata partendo da resti fossili così piccoli. Tuttavia, le stime lo suggeriscono B. i capitani probabilmente pesato circa 1,3 gr. Le sue dimensioni estremamente ridotte sollevano in ogni caso interrogativi affascinanti sui limiti delle dimensioni nei mammiferi e sui fattori evolutivi che hanno portato a tale miniaturizzazione.

Sono disponibili poche informazioni sull'habitat e sullo stile di vita di B. vanhouteni a causa, ancora una volta, della rarità dei fossili. Tuttavia, essendo un insettivoro, probabilmente avrebbe vissuto in ambienti boscosi o semi-acquatici dove probabilmente si nutriva di insetti e altri piccoli invertebrati.

READ  OpenAI ha reso possibile rendere questo robot inquietantemente umano

Come molti dei suoi primi contemporanei dell’Eocene, si sarebbe evoluto in un mondo molto diverso da quello che conosciamo oggi, con diversità ecologica e nicchie disponibili per la prosperità dei mammiferi.

Il più piccolo vivo oggi

Oggi il toporagno etrusco, scientificamente conosciuto come il Sole etrusco, detiene il titolo di mammifero più piccolo del mondo. Tipicamente di peso compreso tra 1,8 e 3 g, con lunghezza del corpo che varia da da 35 a 48 mmpotrebbe adattarsi al tuo pollice.

Mammifero toporagno etrusco
La musaraigne etrusca. Crediti: davidmometto via iNaturalist

Eppure, sotto il suo aspetto delicato si nasconde una formidabile sopravvissuta dotata di notevoli capacità. capacità sensoriali e un appetito vorace. Anche se i suoi occhi sono relativamente piccoli e il suo udito è limitato, questo piccolo mammifero compensa questi deficit con altri sensi troppo sviluppati. Le sue vibrisse (o baffi) sono particolarmente sensibili e gli permettono di percepire le vibrazioni dell'ambiente circostante, il che gli conferisce una percezione tattile estremamente precisa. Inoltre, può colpire dodici volte più velocemente di un batter d'occhio, un'abilità che le dà un notevole vantaggio quando caccia o fugge dai predatori.

Tuttavia, ciò che forse è più sorprendente nel toporagno etrusco è il suo appetito insaziabile. Nonostante le sue piccole dimensioni, per soddisfare il suo fabbisogno energetico deve mangiare quotidianamente l’equivalente di otto volte il suo peso corporeo. Questo elevato fabbisogno dietetico è compensato dall'incessante attività di caccia e foraggiamento. Ogni insetto o aracnide rappresenta quindi per lui un'opportunità vitale ed è pronto a spendere notevoli energie per garantirsi la sopravvivenza.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *