Il PSG batte l'OL dopo una partita spettacolare e si avvicina allo scudetto



La partita: 4-1

Non possiamo più fermare il PSG. Cinque giorni dopo il suo successo è tanto memorabile quanto sorprendente a Barcellona in Champions League, il club della capitale ha sconfitto il Lione domenica sera (4-1). Che miseria perché già dopo sei minuti si era riparato in questo poster contro una delle squadre più in forma del Campionato. È tempo che il cross di Marco Asensio venga deviato dallo sfortunato Nemanja Matic, autogol (3°), e che Beraldo segni da distanza ravvicinata su un corner colpito da Asensio e deviato sul primo palo da Bradley Barcola (6°).

L'OL ha reagito, in sequenza, e avrebbe potuto ravvivare un po' la suspense se Gianluigi Donnarumma non fosse stato attento sul cross di Saïd Benrahma, deviato accidentalmente in porta da Marquinhos (8°). Il portiere italiano è dovuto intervenire anche su un tentativo troppo assiale di Alexandre Lacazette (25°). Si tratta, in definitiva, solo di due piccole occasioni in un primo periodo in cui il PSG ha colpito forte, molto forte. Se Randal Kolo Muani, che pensava di essere solo contro Anthony Lopes, è stato colto da un contrasto XXL di Jake O'Brien (23esimo), Gonçalo Ramos ha segnato una doppietta, con uno splendido colpo di testa su cross di Achraf Hakimi (33esimo) poi intuendo Il passaggio intelligente di Asensio arriva al termine di un rapido attacco lanciato da Vitinha (42esimo). All'intervallo era 4-1. Perché l'OL nel frattempo aveva ridotto le distanze su un'azione solitaria di Ernest Nuamah, autore di un rasoterra che Donnarumma si è visto arrivare troppo tardi (37esimo).

READ  Nike svela il logo della futura gamma dedicata a Victor Wembanyama

Il ghanese non è l'unico del Lione ad aver richiesto il portiere parigino. Rayan Cherki, con un tiro da media altezza (54°), e Maxence Caqueret, con un potente cross in area (63°), e Mam Baldé su iniziativa individuale (82°), si sono scontrati con l'italiano nel secondo periodo. meno emozionante sul campo, ma rallegrato dalle tribune cantanti del Parco dei Principi. Avevano ciò che serviva. Netto vincitore di questo shock di domenica sera, il PSG potrebbe essere incoronato campione di Francia nella prossima partita, mercoledì sera. Gli servirà una vittoria a Lorient (fischio d'inizio alle 19) abbinata ad una prestazione deludente del Monaco – il suo nuovo delfino – contro il Lille negli ultimi match della 29esima giornata.

4

Il Lione ha subito almeno 4 gol nel primo tempo di una partita di Ligue 1 solo due volte nel 21° secolo, ma entrambe in questa stagione contro il Paris. All'andata (4-1, 3 settembre) e questa domenica. scegliere

Il giocatore: Barcola onnipresente davanti alla sua ex

Bradley aveva giocato solo quindici minuti nell'andata al Groupama Stadium, entrando al 75esimo posto al posto di Ousmane Dembélé mentre la sua squadra aveva già convalidato la sua vittoria (4-1). Era settembre, un tempo lontano in cui il giovane, 21 anni, non aveva ancora rilasciato l'aura nelle ultime settimane. Determinante mercoledì a Barcellona, ​​con un rigore decisivo ottenuto, domenica l'ex lionese ha disputato un ottimo primo tempo.

READ  Earvin Ngapeth incoronato campione turco con l'Halkbank Ankara

È semplice, è stato coinvolto nei primi tre gol del PSG. È stato lui a creare l'occasione dell'1-0, trattenendo la palla sulla sinistra seguito da un passaggio cieco di Asensio che ha costretto Matic a csc (3°). È anche lui a prolungare il corner del compagno spagnolo verso Beraldo (6°). Criticato dai tifosi del Lione, ha esultato brevemente per il gol del brasiliano davanti al campo del Rodano. Ed è ancora lui, in posizione cardine, a servire Hakimi, idealmente spostato prima di centrare su Ramos (33esimo).

Non male, ma non descrive quanto fosse onnipresente in partita. Ha provocato una moltitudine di duelli (17 su 9 vinte), ha dribblato e ha dato velocità agli attacchi parigini prima di uscire al 68'. Se non ha segnato contro la sua ex squadra, forse avrà l'opportunità di farlo il 25 maggio, durante la finale della Coupe de France.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *