Il razzo Delta IV Heavy fa un ultimo ballo


Il Delta IV Heavy, un razzo che si accende brevemente poco prima del decollo, è stato lanciato per l'ultima volta martedì per mettere in orbita un satellite classificato.

Un decollo esplosivo per il razzo Delta IV Heavy

Il decollo del razzo Delta IV Heavy è un'esperienza visiva spettacolare. Un'intensa combustione sembra inghiottire la base del razzo, creando l'illusione che stia bruciando sulla rampa di lancio. Questa impressionante sequenza di luci crea un'atmosfera abbagliante e sorprendente.

Man mano che i motori acquisiscono potenza, il razzo Delta IV Heavy inizia a salire lentamente sopra la rampa, interrompendo il collegamento visivo con la terra. Questa transizione dallo sgargiante splendore dell'accensione all'aggraziata maestosità dell'ascesa crea un'esperienza visiva indimenticabile per tutti coloro che hanno la fortuna di esserne testimoni.

Razzo pesante Delta IV
Crediti: United Launch Alliance

Questo lento processo di decollo è dovuto principalmente a la configurazione dei motori del razzo e il modo in cui il carburante viene iniettato e bruciato. Nel dettaglio, il razzo Delta IV Heavy è dotato di tre booster principali e ciascuno è alimentato da un motore RS-68. Questi motori funzionano con idrogeno liquido e ossigeno liquido come propellenti, che quando accesi creano una combustione molto brillante e brillante. Inoltre, i motori RS-68 sono progettati per produrre una spinta elevata fin dall'inizio, il che migliora l'effetto visivo.

Quando i motori vengono accesi, il razzo rimane trattenuto a terra tramite dei vincoli. Questi vengono poi rilasciati una volta che i motori hanno raggiunto una spinta sufficiente per vincere la forza di gravità. Da quel momento in poi, il razzo inizierà a sollevarsi lentamente dalla rampa di lancio.

READ  La formazione del PSG: Bradley Barcola dal Barcellona

Ultimo volo

Questo enorme razzo, il più grande al mondo, alimentato interamente a idrogeno liquido, è stato lanciato per l'ultima volta questo martedì 9 aprile. A bordo c'era un carico utile classificato per il Ufficio nazionale di ricognizione, l'agenzia satellitare spia del governo americano. Questa nuova missione avrà segnato il 45° volume del Delta IV che da più di vent’anni costituisce la pietra angolare del programma spaziale dell’esercito americano. Per inciso era il sedicesimo volo della sua configurazione Delta IV Heavy.

Il Delta IV ha un record di successo quasi perfetto. L'unico guasto si è verificato durante il primo volo della sua versione Heavy nel 2004, quando un carico utile fittizio è stato schierato in un'orbita più bassa del previsto dopo che i tre motori booster si erano spenti pochi secondi prima.

Razzo pesante Delta IV
Crediti: United Launch Alliance

Adattarsi alla concorrenza di SpaceX

Nonostante le sue prestazioni impressionanti, il Delta IV Heavy era associato a costi considerevoli. Ad un certo punto, il prezzo di un singolo lancio di questo razzo usa e getta ammontava a quasi 400 milioni di dollari, sebbene il governo abbia negoziato un prezzo leggermente inferiore con l'ULA per l'acquisto di gruppo delle ultime tre missioni Delta IV Heavy. Inoltre, i complessi di lancio del Delta IV in Florida e California richiedevano una manutenzione costosa e un'alimentazione elettrica continua, anche durante i periodi di bassa attività di lancio.

Alcuni anni fa questi costi elevati hanno finalmente aperto la strada SpaceX, un nuovo arrivato sul mercato dei lanci di sicurezza nazionale, per chiedere al Pentagono il permesso di competere per contratti di lancio militare. Con il suo razzo Falcon 9 parzialmente riutilizzabile, SpaceX ha quindi offerto prezzi più competitivi rispetto a ULA. Il debutto del razzo Falcon Heavy nel 2018 ha inoltre rafforzato la capacità di SpaceX di lanciare praticamente qualsiasi missione spaziale militare.

READ  Cosa sappiamo dell'aggressione contro una studentessa di 13 anni davanti alla sua scuola a Montpellier

Da allora l'ULA ha sviluppato il razzo Vulcano, meno caro. Anche lei lo ha fatto ha condotto con successo un volo di prova a gennaio. Il Vulcan sostituirà così i razzi Delta IV e Atlas V nel portafoglio della compagnia, anche se di questi ultimi restano ancora diciassette modelli da lanciare.

Nell'ambito di un contratto assegnato dal Pentagono nel 2020, il razzo Vulcan, così come il Falcon 9 e il Falcon Heavy di SpaceX, saranno in ogni caso responsabili del lancio dei satelliti militari più costosi e sensibili nei prossimi anni.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *