il ruolo cruciale delle acque sotterranee nella sopravvivenza degli ecosistemi


Utilizzando le sue radici, la vegetazione è in grado di mantenere un collegamento con le falde acquifere. Tuttavia, ciò è utile in caso di siccità, poiché la vegetazione diventa così un rifugio per molte specie. Nell’ambito di un recente studio, i ricercatori hanno misurato il livello dell’acqua che deve essere mantenuto per preservare questo effetto protettivo.

Acque sotterranee: qual è la soglia da non oltrepassare?

Per quanto 30% di acqua dolce presente sul nostro pianeta si trova nel sottosuolo falde acquifere, non sorprende apprendere che da esso dipende in gran parte la sopravvivenza degli ecosistemi. Tuttavia era importante misurare questa dipendenza e a questo scopo è stato effettuato uno studio. Coordinato dal SUNY College of Environmental Science and Forestry (Stati Uniti), questo lavoro è apparso sulla rivista Natura Acqua il 3 aprile 2024 lo hanno effettivamente reso possibile tradurre questa relazione in dati numerici. Il lavoro ha interessato la California, un'area colpiti da siccità ricorrenti. Gli scienziati hanno analizzato i dati dei pozzi e 38 anni di immagini satellitari della missione Landsat (dal 1985). Tuttavia, questo periodo ha permesso di coprire la storica siccità del 2012-2016.

Secondo i risultati, la vegetazione è in grado di mantenere una connessione con le acque sotterranee durante la siccità. Tuttavia, lo è vitale per molte specie, in particolare uccelli e pesci presenti nelle cosiddette zone ripariali. Queste aree sono corridoi all’interfaccia degli ecosistemi terrestri e acquatici che fungono da condotti, filtri o barriere per il flusso di acqua, sedimenti e sostanze nutritive.

READ  LA tecnica per fermare tutto questo

D’altra parte, se si verifica una siccità significativa, il livello delle acque sotterranee potrebbe scendere oltre la profondità delle radici delle piante. In questo modo la vegetazione perde il suo appoggio e non è più in grado di sopravvivere adeguatamente. Gli scienziati stimano quindi che le piante siano molto più sane quando l'acqua è a portata di mano meno di un metro dalla profondità massima della radice.

falde acquifere
Le falde acquifere possono immagazzinare le acque sotterranee. Crediti: Hans Hillewaert/Wikipedia

Misure standardizzate per reagire rapidamente

Questo studio è innovativo perché ha permesso di utilizzare la conoscenza della profondità delle radici di diversi tipi di piante per determinare approssimativamente il livello delle acque sotterranee necessari per mantenere la salute degli ecosistemi. Tuttavia, sebbene questa visione sembri molto semplice, finora è stata ostacolata dall’assenza di misure standardizzate che possano essere utilizzate ovunque. Anche questo è del tutto logico, perché le condizioni dell'acqua sono specifiche per ogni luogo. Pertanto, i ricercatori hanno applicato a metodo di trasformazione dei dati collegando la profondità delle acque sotterranee, l’intensità del colore verde sulle immagini satellitari e le esigenze dell’ecosistema.

Per i ricercatori, questo lavoro ha aperto la strada verso un approccio semplice e pratico per una migliore gestione dell’acqua. Questi dati possono infatti essere utilizzati per gestire e distribuire meglio l’acqua, principalmente per usi domestici (acqua potabile) e agricoli, tra gli altri. Lo studio consentirà comunque di capire più rapidamente quando una falda acquifera e il suo ecosistema sono in pericolo, e di agire di conseguenza.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *