Il Sole innesca un enorme brillamento solare di classe X


Una gigantesca macchia solare, designata AR3664, ci ha appena regalato un ultimo spettacolo così come appare dalla nostra visione terrestre. Questa regione attiva del Sole è infatti appena stata teatro di una serie di notevoli esplosioni solari, culminate con un'eruzione di rara intensità di classe X.

Cos'è un brillamento solare?

Un brillamento solare è un fenomeno astronomico impressionante che si verifica sulla superficie del pianeta Soleil. Si manifesta con un rilascio improvviso e violento di energia nell'atmosfera solare. Questo rilascio di energia può manifestarsi in diverse forme, comprese le espulsioni di massa coronale (CME), i brillamenti di raggi X e i brillamenti ultravioletti.

Alla base di questi fenomeni ci sono le macchie solari, regioni della superficie solare dove l'intensità del campo magnetico è particolarmente elevata. Quando questi campi magnetici entrano in conflitto o si riorganizzano, può provocare un rilascio esplosivo di energia, proiettando particelle cariche e generando emissioni di radiazioni elettromagnetiche attraverso lo spettro elettromagnetico.

La Solar Flare Rating Scale è uno strumento utilizzato per misurare l’intensità dei brillamenti solari in base all’energia rilasciata. Ha diverse categorie, identificate dalle lettere A, B, C, M e Xciascuno dei quali rappresenta a rilascio di energia dieci volte maggiore rispetto alla categoria precedente. Ad esempio, un bagliore di Classe M è dieci volte più potente di un bagliore di Classe C, e un bagliore di Classe X è dieci volte più potente di un bagliore di Classe M.

Un'eruzione da record

Il 10 maggio, la macchia solare nota come AR3664 avrebbe innescato un bagliore di classe X5.8. È stata seguita nelle ultime ore da tre nuove lezioni un picco spettacolare che raggiunge X8.7. È il più grande brillamento solare dell’attuale ciclo di undici anni.

READ  un prodotto fabbricato in fabbrica senza una sola ape
Eruzione solare
Il brillamento solare di classe X8.7 erutta dalla macchia solare AR3664 il 14 maggio 2024. Crediti: NASA/SDO

Sappiamo che i brillamenti di Classe X possono avere un impatto notevole sulle comunicazioni radio, sulle reti elettriche e sui satelliti in orbita attorno alla Terra. Sarà quindi importante prestare attenzione nei prossimi giorni. Sono già state registrate interruzioni radio in Australia e nell’Asia orientale, con frequenze di 20 MHz o inferiori che hanno subito interruzioni quasi complete.

Tuttavia, nonostante l’entità di quest’ultima eruzione, è improbabile che possa innescare un’aurora visibile più a sud del solito a causa della posizione della macchia solare associata, secondo il rapporto. Centro di previsione meteorologica spaziale della NOAA.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *