Il Tolosa conquista la sua sesta stella ai tempi supplementari dopo una finale soffocante contro il Leinster



La partita: 31-22 (ap)

Il manifesto era così grandioso che non poteva che dar luogo a uno scenario del genere, una finale pazzesca tra due squadre che volevano entrambe scolpire nella pietra la propria superiorità europea. Ma alla fine, sono stati gli abitanti del Tolosa a vincere la resa dei conti titanica e a vincere questa Coppa dei Campioni che conoscono meglio di chiunque altro.

Dopo una partenza perfetta, Antoine Dupont e compagni hanno sofferto molto, accontentandosi di difendere nel proprio campo, come un pugile intrappolato alle corde. Ma le onde irlandesi sembravano meno fragorose del solito, e la partita del Leinster mancava di quell'olio negli ingranaggi che la rendeva uno dei meccanismi più perfetti del rugby mondiale.

In vantaggio all'intervallo (9-6), i tolosani hanno mantenuto questo breve vantaggio nella fase finale. Ma più resiliente che mai, la provincia del Leinster strappa il pareggio a due minuti dalla sirena (15-15). Avrebbe potuto anche rubarle la vittoria sul gong se il drop tentato da Ciaran Frawley fosse andato un po' più a destra, ma questo fallimento alla fine ha mandato i due sfidanti ai supplementari.

READ  Daniil Medvedev sfugge alla trappola di Tomas Machac e si qualifica per gli ottavi di finale del Roland Garros

3

Questa è la terza volta che il Tolosa vince una finale di Coppa dei Campioni dopo i tempi supplementari. Lo Stade aveva già ottenuto questa prestazione nel 1996 (contro il Cardiff) e nel 2005 (contro lo Stade Français).

Sanzionato con un cartellino giallo per un attaccante volontario, James Lowe ha dovuto lasciare i suoi compagni a 14 anni, e il Tolosa ne ha subito approfittato. Ben compensato da un passaggio perfetto di Thomas Ramos, Santiago Chocobares ha messo in orbita Matthis Lebel per la prima meta di una finale soffocante (83°). Il Leinster sembrava addirittura sull'orlo del precipizio quando Richie Arnold si rese colpevole di una spallata in faccia a Cian Healy. Un fallo punito con un cartellino rosso, che ha fatto ripartire la partita.

Poco prima dell'intervallo dei tempi supplementari, Josh Van der Flier ha segnato la meta della speranza per il Leinster (25-22, 90esimo + 5). Seduto in disparte con la testa tra le mani, Arnold deve aver avuto dei brutti pensieri in mente. Fortunatamente i suoi compagni hanno preso il sopravvento nel secondo tempo supplementare grazie alla grande attività degli attaccanti. Ramos è stato responsabile dell'ampliamento di un divario paralizzante che offre al Tolosa la sua sesta corona e lascia il Leinster con nuovi grattacapi, dopo le due finali perse contro La Rochelle nel 2022 e 2023.

READ  Secondo quanto riferito, Adrian Newey ha detto alla Red Bull che vuole lasciare la prossima stagione

29

In una finale segnata da difese impressionanti, Jack Willis era monumentale. La terza linea inglese da Tolosa ebbe successo 29 contrastiil miglior totale della partita.

Il giocatore: Dupont in un'altra dimensione

Tutti sanno che Antoine Dupont è uno dei migliori (se non il migliore) giocatore offensivo del pianeta. Ma sabato, il capitano dei Blues e dello Stade Toulousain ha tenuto un recital difensivo di un'altra dimensione. I suoi contrasti aggressivi e le sue scalate hanno minato il suo omologo Jamison Gibson-Park. Ha anche fatto molto bene alla sua squadra, tirando quattro palloni, di cui uno maiuscolo a 10 metri dalla sua linea (74esimo), senza dimenticare il suo lavoro titanico per rendere improduttivo un pericoloso maul del Leinster. Una performance mutante. Ancora uno.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *