Il vibrante tributo del Real Madrid a Rafael Nadal



Rafael Nadal ha lasciato l'assordante stadio Manolo-Santana, superando una guardia d'onore composta da alcuni dei suoi amici più cari. Martedì sera, la sua sconfitta (7-5, 6-4) contro il ceco Jiri Lehecka segnò la fine della sua storia madrilena e, senza dubbio, spagnola. La rete è stata rapidamente smontata una volta finita la partita, il 37enne maiorchino è stato invitato a centro campo per un omaggio, che non è stato privo di intoppi.

Dopo una breve intervista, sono state svelate cinque tele verticali appese alla tribuna alta del campo centrale, ciascuna corrispondente ai suoi cinque titoli nella capitale madrilena: 2005 (su cemento), 2010, 2013, 2014 e 2017 (su terra battuta). Il primo e l'ultimo rimasero bloccati, cosa che fece ridere Nadal, ma alla fine apparvero.

“Le emozioni che ho vissuto giocando a Madrid, davanti al pubblico spagnolo, le porto con me per sempre”

Poi lo spagnolo ha tenuto un discorso davanti al pubblico presente, alcuni erano in lacrime. “Devo ringraziarvi per avermi supportato così tanto durante tutta la mia carriera, che non è ancora finita. Ma è stata la mia ultima qui a Madrid. Mi avete fatto un regalo in tutti questi anni e forse è più importante delle mie vittorie, delle emozioni che ho vissuto giocando a Madrid, davanti al pubblico spagnolo, che porterò con me per sempre. »

READ  Mathias Bourgue battuto nell'ultimo turno delle qualificazioni al Roland-Garros



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *