Importante scoperta di ossa di mammut in Austria


Una scoperta notevole è stata fatta in Austria dove, durante dei lavori di ristrutturazione, è stata rinvenuta una serie di ossa di mammut in una cantina. Si ritiene che i resti, che potrebbero rappresentare almeno tre singoli animali, abbiano dai 30.000 ai 40.000 anni.

Un vignaiolo e una scoperta inaspettata

Andreas Pernerstorfer, un enologo locale di Gobelsburg, ha fatto questa eccezionale scoperta nella sua cantina situata nel quartiere di Krems, a ovest di Vienna. Allertato, l'Ufficio federale dei monumenti austriaco ha poi contattato l'Istituto archeologico dell'Accademia austriaca delle scienze (OeAW) che si è incaricato degli scavi e dell'analisi dei ritrovamenti.

Gli archeologi hanno poi scoperto diversi strati di ossa di mammut, nonché oggetti di pietra e carbone che hanno permesso di datare le ossa a tra 30.000 e 40.000 anni fa. Secondo un comunicato stampa dell'OeAW, questa scoperta è la più importante del suo genere in Austria da oltre 100 anni.

Hannah Parow-Souchon dell'OeAW, che sta guidando gli scavi, ha espresso il suo entusiasmo: “Uno strato osseo di mammut così denso è raro. Questa è la prima volta che possiamo studiare qualcosa di simile in Austria con metodi moderni. » Questa scoperta ci permette di comprendere meglio il periodo e le condizioni in cui vissero e morirono questi mammut.

mammut
Un archeologo accanto alle ossa di mammut scoperte in una cantina a Gobelsburg, in Austria. Potrebbero avere fino a 40.000 anni. Crediti: Oeaw-Oeai/Hannahparow-Souchon

Caccia e trappole preistoriche

Gli archeologi suggeriscono che il luogo della scoperta potrebbe essere il luogo in cui morirono questi mammut. È possibile che i cacciatori preistorici guidassero il animali in questo posto e averli piazza una trappola. Questa ipotesi è supportata dal ritrovamento di carbone e oggetti in pietra, indizi di attività umana sul sito.

READ  Cosa fare per evitare che frutta e verdura marciscano troppo velocemente?

“Sappiamo che gli esseri umani cacciavano i mammut, ma sappiamo ancora molto poco su come lo facessero”, ha detto Parow-Souchon. I ricercatori sperano che lo studio delle ossa possa fornire una migliore comprensione delle tecniche e delle strategie di caccia degli esseri umani preistorici.

I resti di questi mammut verranno trasferiti al Museo di Storia Naturale di Vienna dove verranno restaurati e studiati più nel dettaglio. Questa scoperta non è importante solo per l’Austria, ma contribuisce anche alla nostra comprensione complessiva della vita preistorica e delle interazioni tra l’uomo e i grandi mammiferi dell’epoca nel continente europeo.

Anche questa scoperta austriaca non è isolata. All'inizio di quest'annoi ricercatori hanno infatti scoperto centinaia di ossa di animali preistorici, tra cui i resti di un leone delle caverne e di un mammut, nella Grotta del Paradiso (Jaskinia Raj) in Polonia.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *