James Webb rivela la più grande esplosione mai registrata


Il telescopio spaziale James Webb ha recentemente rivelato i misteri dietro una delle più potenti esplosioni cosmiche registrate dai tempi del Big Bang. Soprannominato BOAT (per “l’esplosione più luminosa di tutti i tempi”), questo lampo di raggi gamma (GRB) proveniva da una fonte situata a 2,4 miliardi di anni luce di distanza nella costellazione del Sagittario.

Un evento straordinario

Un lampo di raggi gamma è un evento astronomico violento caratterizzato da a intensa e breve emissione di raggi gamma, la forma più energetica della radiazione elettromagnetica. Questi fenomeni, tra i più potenti dell'universo osservabile, possono durare da pochi millisecondi a diversi minuti, liberando durante questo tempo una straordinaria quantità di energia, talvolta equivalente a quella di miliardi di soli.

Queste esplosioni gamma sono spesso associate a eventi cosmici catastrofici. Il lampo gamma GRB221009A rilevato nell’ottobre del 2022 e soprannominato il “più brillante di tutti i tempi” lo illustra perfettamente.

I ricercatori hanno immediatamente raccolto dati su questo bagliore e hanno scoperto che lo era 70 volte più luminoso di qualsiasi altra esplosione mai osservata. Un evento di questa portata si verifica circa ogni 10.000 anni. La sua eccezionale potenza aveva anche generato significative variazioni del campo elettrico nella ionosfera, uno strato dell'atmosfera situato tra circa 50 e 1.000 chilometri sopra la superficie terrestre.

Una supernova all'origine

I ricercatori hanno recentemente rintracciato le probabili origini di questa straordinaria esplosione cosmica utilizzando il telescopio spaziale James Webb. Hanno poi scoperto che probabilmente era il risultato di a e supernove giganti.

Ricordiamo che le supernove si formano quando una stella massiccia esaurisce il suo carburante e collassa prima di esplodere violentemente, lasciando dietro di sé una stella di neutroni o un buco nero. Queste esplosioni stellari, a volte amplificate dalle collisioni tra stelle di neutroni, producono esplosioni di raggi gamma rilevabili dagli osservatori spaziali e terrestri.

READ  L'OM con gli attesi undici contro il Benfica in Europa League

I ricercatori hanno anche scoperto che questo evento ha acquisito la sua straordinaria intensità a causa di a getto relativistico strettoincanalando il materiale proveniente dalla stella in esplosione quasi alla velocità della luce.

supernova
Crediti: Coffeekai/iStock

Tuttavia, questa scoperta ha sollevato un nuovo mistero: si ritiene che le supernove come quella che ha causato questo lampo di raggi gamma producano elementi pesanti come platino e oro. Qui però nessuno di questi elementi è stato ancora rilevato. In effetti, gli scienziati hanno identificato le tracce di elementi come l’ossigeno e il calcio, comuni nelle supernove. Questa osservazione quindi esclude potenzialmente queste luminose esplosioni come produttrici di metalli pesanti.

Il prossimo passo sarà quello di utilizzare il telescopio James Webb per studiare altre supernovae per confrontare le loro caratteristiche e comprendere meglio le condizioni in cui si formano gli elementi pesanti nell'universo. Questa ricerca potrebbe fornirci informazioni cruciali sull’origine di alcuni degli elementi più misteriosi dell’universo.

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Astronomia della natura.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *