James Webb rivela la sorpresa su una delle stelle più studiate


Rivelare l'invisibile e svelare i misteri cosmici: questo è il potere del telescopio spaziale James Webb della NASA. Quest'ultimo ha stupito ancora una volta la comunità scientifica con una scoperta rivoluzionaria riguardante il sistema stellare WL 20.

WL 20 è in realtà ufai la doppia stella

Immerso nel cuore della vasta nube stellare Rho Ophiuchi, a circa 400 anni luce dalla Terra, si trova WL20. Questo sistema stellare ha incuriosito gli astronomi sin dagli anni '70, sebbene la sua visibilità sia ostacolata da spesse nubi di gas e polvere. Queste nubi oscurano gran parte della luce visibile, rendendo difficile l’osservazione diretta per i telescopi tradizionali. Recentemente, però, è stato rivelato che questa spessa cortina di fumo aveva ingannato i ricercatori per tutto questo tempo.

Grazie alla risoluzione senza precedenti del telescopio James Webbi segreti più profondi di WL 20 sono stati finalmente svelati rivelato. Quella che si pensava fosse una stella singola, conosciuta come WL 20S, in realtà si è rivelata tale una coppia di stelle gemelle si è formata da due a quattro milioni di anni fa.

stella WL20
Il concept di questo artista mostra due giovani star al termine della loro formazione. Crediti: NASA

Sfonda le cortine di fumo

Lo strumento MIRI ha avuto un ruolo cruciale in questa scoperta. È uno dei quattro strumenti scientifici avanzati a bordo del telescopio. Progettato per rilevare la radiazione infrarossa emessa dagli oggetti celesti, è particolarmente efficace nel sondare ambienti in cui la luce visibile è bloccata, consentendo agli astronomi di osservare oggetti invisibili ai tradizionali telescopi ottici. MIRI opera in un intervallo spettrale che vanno dai cinque ai ventotto micronche corrisponde a lunghezze d'onda più lunghe di quelle visibili all'occhio umano.

READ  Proprio come noi, gli elefanti si chiamano per nome

Grazie alla sua capacità di osservazione nel medio infrarosso, il MIRI ha rivelato non solo la duplice natura delle stelle, ma anche l'esistenza di getti di gas che fuoriescono dai poli nord e sud. Questa osservazione ha sbalordito i ricercatori, come ha affermato Mary Barsony, l'astronoma principale dello studio: « Dopo decenni di studio, pensavamo di conoscere bene questa fonte. Ma senza MIRI, non avremmo saputo che si trattava di due stelle né avremmo osservato questi getti. È come avere nuovi occhi sull'Universo. »

Le sorprese non sono finite qui. Ulteriori osservazioni effettuate dall'Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA) hanno rivelato che le due stelle erano circondato da dischi di polvere e gaspotenziali vivai per la futura formazione del pianeta.

stella WL20
Immagine di ALMA e James Webb. I getti di gas provenienti dai poli appaiono blu e verdi. I dischi di polvere e gas che circondano le stelle sono rosa. Crediti: NASA

Mentre Webb continua a scrutare il cielo con una chiarezza senza precedenti, si attendono nuove rivelazioni sulle origini e sul destino delle stelle e dei pianeti, che forniranno una prospettiva illuminante sul nostro posto nell’Universo.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *