Jannik Sinner, battuto da Carlos Alcaraz nelle semifinali del Roland-Garros: « Fa parte del mio apprendimento »



Qual è stato il momento chiave della partita?
Carlos ha giocato bene sui punti importanti. Quella era la chiave, ovviamente. Sono deluso dal risultato, ma fa parte del mio apprendimento. Se guardo prima del torneo mi dico che posso essere felice di aver raggiunto questo livello. Devo continuare. Se guardo il lato positivo, sono migliorato rispetto allo scorso anno (sconfitta al secondo turno). Potrò giocare di nuovo qui per le Olimpiadi, vedremo cosa succede.

Cosa è successo nel terzo set con il tuo braccio sinistro?
Ero teso e avevo i crampi. Ma ho gestito la situazione meglio che in passato. Prima, quando avevo questo tipo di problema, faticavo. All'inizio della partita non ero preoccupato per il mio corpo, andava bene ma ehi, è così.

« Alla fine il vincitore è felice e il perdente dice: 'Cercherò di vincere la prossima volta', ed è quello che cercherò di fare. »

Questo è stato il tuo nono duello, con cinque vittorie per lui e quattro per te. Come vedi questa rivalità?
Non possiamo ancora confrontarci con gli altri giocatori. Certo, se guardiamo i risultati, quando ci affrontiamo, che siano semifinali, finali o quarti, sono sempre partite importanti. E penso che sia sempre molto, molto emozionante per il gioco, soprattutto quando sei molto vicino. Alla fine, il vincitore è felice e il perdente dice: « Cercherò di vincere la prossima volta », ed è quello che cercherò di fare. Ci conosciamo bene, c'è sempre un po' di tensione, da entrambe le parti, perché pian piano ci conosciamo meglio e ogni volta che giochiamo contro ci aspettiamo certe cose. E per confondere i confini, a volte facciamo scelte diverse in campo.

READ  Il Brasile ovvero il trio Germania – Belgio – Olanda per l'organizzazione dei Mondiali femminili 2027

Hai avuto fastidio all'anca durante la partita?
No, la mia anca sta bene! Si sa, nelle partite più si avanza e più l'anca destra è meno forte della sinistra ma è normale, non è una scusa. Mi muovevo bene, stavo andando bene in campo. Non sono più preoccupato per la mia anca.

Cosa farai nei prossimi giorni?
Non so se guarderò la finale, è difficile da guardare, soprattutto quando hai giocato e perso la semifinale. Fa male, perché dici « Potrei essere lì! » Soprattutto mi riposerò un po', il mio corpo ne ha bisogno. Non avevo fatto quasi nulla per tre settimane prima di arrivare qui e sono riuscito a giocare una partita dopo l'altra. Il recupero sarà molto importante prima di passare alla stagione sull’erba. La preparazione del prato è diversa. Vengono utilizzati muscoli diversi. Giocherò ad Halle, e Halle è molto diversa da Wimbledon, ma è pur sempre erba. L'anno scorso ho disputato un ottimo Wimbledon (semifinale). Vedrò cosa posso fare quest'anno e poi vedremo cosa succede. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *