Jannik Sinner perde un set per il suo ingresso e si unisce a Matteo Berrettini nel 2° turno di Wimbledon



Non era stravagante. Ma la cosa più importante durante il primo round di uno Slam è vincere senza mettersi troppo in pericolo. E questo è ciò che è riuscito finalmente a fare il numero 1 del mondo, Jannik Sinner, anche se ha perso un set lungo la strada contro l’86esimo del mondo, Yannick Hanfmann (6-3, 6-4, 3-6, 6 -3 ).

All’arrivo l’italiano non ha sempre brillato, è stato messo in difficoltà nei primi tre set, dovendo addirittura mettere da parte cinque palle break nel secondo. Ma ha vinto in 3 ore, senza pareggiare troppo, servendo 16 ace su una percentuale sulla prima palla ampiamente migliorabile (58%).

Una svolta seria ha dovuto addirittura prenderla dopo la sconfitta del terzo set, dove il numero 1 del mondo è stato copiosamente dominato nelle intenzioni e nei colpi da un tedesco incisivo e deciso. Perché Hanfmann, che prima di questa partita non aveva presentato statistiche molto impressionanti contro i Top 5 (un successo in sette partite), ha giocato con coraggio da un lato all’altro della partita.

Matteo Berrettini sulla strada di Sinner

Di fronte a Sinner, a cui piace solo la presa anticipata della palla e l’alta cadenza, il tedesco si è lanciato di testa nella sfida, mettendo regolarmente in pericolo il boss della classifica ATP con la sua rimessa laterale, soprattutto nel secondo e terzo set (11 break punti per due convertiti da Hanfmann). Ma Sinner è riuscito a cogliere i punti decisivi nei primi due set, prima di ritrovare una chiara qualità di servizio e autorità in campo nel quarto set, giocato a porte chiuse.

READ  Status quo tra i portieri della nazionale francese, Samba resta il numero 2

Ma dovrà fare di più nel prossimo turno. Dietro questo ingresso vittorioso ma un po’ faticoso, la strada sarà in salita per l’italiano, finora imbattuto come numero 1 del mondo (titolo ad Halle e 6 vittorie in 6 partite adesso). È infatti il ​​suo connazionale ed ex finalista all’All England Club nel 2021, Matteo Berrettini, che ora si mette sulla sua strada per un gustoso duello.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *