Jaylen Brown dopo la vittoria di Boston in Gara 1 delle NBA Finals: « Non possiamo congratularci con noi stessi »



Jaylen Brown (Boston): “Quando sono tornati a otto punti, è stato allora che la partita è iniziata davvero e mi è piaciuto come ha risposto la nostra squadra. Non ci siamo fatti prendere dal panico. Bisogna saper gestire e avere la memoria corta quando una squadra rimonta come ha fatto Dallas. Non tutto sarà perfetto. È una serie lunga e ogni partita ha la sua storia. Sono sicuro che apporteranno modifiche al prossimo. Dallas probabilmente si sta già preparando quindi non possiamo congratularci con noi stessi. Anche noi dovremo farci trovare pronti. »

Jayson Tatum (Boston): “Abbiamo giocato bene stasera ed è bello vincere. Ma due anni fa abbiamo vinto anche la prima partita (contro Golden State) e ricordiamo cosa è successo (i Warriors hanno vinto il titolo, 4-2). Quindi abbiamo ancora molto lavoro da fare. Ci sono molte cose che avremmo potuto fare meglio. Non mentirò, ero nervoso, ma in modo positivo. Come un bambino il primo giorno di scuola. So quanto sia emozionante e importante tutto questo. È surreale essere in finale. L'obiettivo era divertirsi e divertirsi. (Nel terzo trimestre) Penso che il nostro attacco sia diventato un po' statico, soprattutto perché non stavamo occupando bene lo spazio. Ma è così. E' davvero una buona squadra. Abbiamo reagito bene in tempo reale dopo il timeout. »

READ  Marcell Jacobs e i Blues a Jacksonville questo fine settimana



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *