Jean-Louis Gasset prima del Lille-OM: “Dobbiamo riavviare una dinamica positiva”



“Può darci un aggiornamento sullo stato fisico del vostro gruppo, in particolare di Amir Murillo e Chancel Mbemba?
Amir riprende parzialmente con il gruppo. È un jolly, è “inattaccabile” per gli altri. È da un po' che non gioca (il 21 gennaio). La notizia è interessante. Per Chancel la notizia è buona, nel senso che non c’è nulla di grave. Ha appena avuto un pizzicotto (ginocchio sinistro), lo aveva già avuto a Porto. Sarà troppo stretto per domani(Venerdì). Penso che nel fine settimana riprenderà a fare jogging e sarà operativo per il Benfica.

Dopo una giornata « bonus » contro il PSG, questa sfida contro il Lille sembra essere una partita decisiva per rientrare in corsa per il 4° posto…
No, Parigi, non era un bonus, conosciamo l'importanza della Classica. Abbiamo giocato con le nostre armi. Abbiamo fatto un buon primo tempo, 11 contro 11. Poi abbiamo negoziato male la superiorità numerica. Abbiamo perso la concentrazione dietro, siamo stati presi in contropiede due volte. L'infortunio di Chancel al 50' è un momento cruciale in questa partita, è ancora il giocatore a tenere la casa. Quando Samuel Gigot si riprese, dopo cinque settimane di riposo e una spalla gravemente danneggiata, c'era questo obiettivo (da Vitina) che ha cambiato l'aspetto della partita… Penso che avremmo potuto giocarla in modo più intelligente. Sullo 0-0 dell'intervallo, 11 contro 10, ci diciamo che prenderemo un punto…

Perché l'OM non prende più punti contro le squadre più in alto in classifica?
Tutto finisce. Lo so per esperienza. Tutti i numeri che mi date… Domani forse cambieremo la situazione, dobbiamo riavviare una dinamica positiva. Abbiamo avuto un picco molto alto fin dall'inizio, abbiamo avuto un picco leggermente più basso in due partite di campionato. Domani dobbiamo ripartire. E' l'ultima squadra che abbiamo affrontato fuori casa che è sopra di noi (in classifica). Se avremo la possibilità di recuperare un po'… E' una partita importante, i giocatori lo sanno. Abbiamo ancora il nostro futuro nelle nostre mani.

READ  Brest senza Kenny Lala e Jonas Martin (squalificati) a Lione

“Ci sono periodi di euforia, ci sono periodi meno belli. Dobbiamo mantenere lo stato d'animo impeccabile del Classico »

Bisogna assolutamente vincere per credere ancora nella Champions League?
Faremo di tutto per vincere con le nostre forze attuali. Abbiamo una squadra un po' indebolita, con giocatori che non sempre giocano nel loro ruolo. Abbiamo perso Clauss, Sarr e Meïté durante la sosta per le Nazionali, abbiamo perso ancora Mbemba… loro sono titolari. Continuiamo a lavorare, per dare una scossa alla squadra, ma domani i giocatori sono consapevoli che dobbiamo fare risultato. Ci sono periodi di euforia, ci sono periodi meno buoni. Dobbiamo mantenere lo stato d'animo impeccabile della Classica, mantenere l'intensità del primo periodo contro il Paris-SG. Aggiungiamo efficienza, che ci è mancata, per ottenere un risultato positivo. Dobbiamo partire con fiducia per i nostri attaccanti, sulla qualità dell'ultimo passaggio, ecc.

Cosa pensi dell'avversario del Lille?
Il Lille è un'ottima squadra. È un club che funziona molto bene. Conosco il presidente (Olivier Letang), Mi piace l'allenatore (Paulo Fonseca) per il suo lavoro, anche se non lo conosco personalmente. Quando vediamo giocare il Lille, questa fusione di veterani, che dà l'esempio (André, Bentaleb, Cabella), e i giocatori giovani, come Yoro, Zhegrova o David, se lo meritano davvero. Loro sono la migliore squadra in casa, con 30 punti presi su 46. Nella loro roccaforte, ci sono, tocca a noi fare questo passo, per far ripartire qualcosa.

READ  Golf Magazine n°407 : drivez droit et loin !

« Quando ci sono tanti attaccanti centrali è difficile dare una possibilità a tutti »

È scomparso dalla circolazione un giocatore, Joaquin Correa. Dove si trova?
È sempre nel gruppo. Lavora bene in allenamento, ha uno spirito molto buono. È in un settore di gioco dove abbiamo Aubameyang, Faris (Moumbagna), Illi (Io vado) chi sa giocare la mezza punta. Entrò a Clermont un quarto d'ora (5-1, 2 marzo). L'ho visto questa settimana, voleva parlarmi, gli ho detto di non arrendersi, che ad un certo punto avremmo avuto bisogno di lui. Non ho costruito la squadra. Quando ci sono così tanti attaccanti centrali è difficile dare una possibilità a tutti ».



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *