Jefferson Poirot dopo la vittoria contro lo Stade Français: “In finale saremo Pollicettino”



“Come ti senti all’idea di partecipare alla tua prima finale Top 14 venerdì prossimo contro lo Stade Toulousain?
È una gioia immensa. Onestamente non riesco a descrivere cosa sta succedendo dentro di me, cosa è successo alla fine della partita. Dal momento in cui sono uscito (48°, sostituito da Ugo Bonifacio), mi sembra che la partita sia durata il doppio. I minuti non passavano, era terribile. Per il club, per tutto quello che è stato costruito dal 2006, da Laurent (Marti, il presidente)è enorme.

Dopo tre sconfitte negli ultimi tre tempi, avete finalmente superato questa soglia…
Dovevamo superare questa fase di semifinale. In tutta onestà, dopo lo sbarramento (vinta contro il Racing, 31-17)ho sentito che il gruppo non era soddisfatto, a differenza della scorsa stagione quando per questa metà della gara eravamo davvero arrivati ​​alla fine (perso contro La Rochelle, 24-13). Eravamo contenti di essere arrivati ​​lì perché la stagione era stata complicata. Lì il gruppo non era soddisfatto. Quest’anno siamo riusciti a gestire la squadra e ha funzionato molto. Abbiamo sentito che non c’era euforia dopo il jump-off. Lo abbiamo confermato fin dall’inizio della partita di stasera.

« Quando ho visto come andavano le cose alla fine della partita, sono andato a riscaldarmi perché mi sono detto che dovevamo farci trovare pronti se dovessimo tornare »

Cosa ti passava per la testa al momento dell’ultima trasformazione tentata da Joris Segonds per mandare le due squadre ai supplementari?
È orribile. Dal 75esimo minuto sono tornato a riscaldarmi. La settimana scorsa abbiamo fatto il debriefing sulla partita Racing e Yannick (Bru) ha fatto un piccolo sfogo dicendo che se avessimo giocato gli ultimi venti minuti come contro il Racing, lo Stade Français ci avrebbe portato ai supplementari. Francamente è stato bello, perché non siamo andati lontano. Quando ho visto come andavano le cose alla fine della partita sono andato a riscaldarmi perché mi sono detto che dovevamo farci trovare pronti se dovessimo tornare. Al momento della trasformazione ero proprio dietro la porta, è stato terribile. Urlo, salto. Non posso più trattenermi. La cosa positiva è che per una volta in questa stagione contro lo Stade Français, dopo tutta la sfortuna che abbiamo avuto contro di loro, le cose stanno finalmente andando per il verso giusto.

READ  Alexandre Lacazette sul suo futuro all'OL: "Vedremo a giugno"

Troverai ancora le energie per la finale contro lo Stade Toulousain che si presenterà come il grande favorito?
Non credo che questo gruppo sia pieno, quindi è un buon segno. Poi affronteremo una squadra che conta 22 Brennus Shields, una generazione di vincitori… Noi saremo il pollicino, l’outsider. È uno status che va bene anche per noi. Ci piace davvero essere in questa posizione. Lotteremo per essere alla pari.

“La finale sarà in uno stile di rugby che forse ci si addice un po’ di più”

Che tipo di avversario ti aspetti venerdì, rispetto alla partita molto combattuta di sabato?
Direi che la finale si svolgerà in uno stile di rugby che forse ci si addice un po’ di più. Questa sera, lo stallo che lo Stade Français ci ha imposto per la terza volta in questa stagione, è un rugby che facciamo fatica a giocare, il che non ci si addice. Ci hanno messo in difficoltà. Non sono lì per niente. Sarà uno stile diverso contro il Tolosa. Ma quando vedremo il loro inizio di partita venerdì (contro La Rochelle in semifinale, 39-23)sappiamo che dovremo farci trovare pronti fin dall’inizio perché si comincia da ogni parte.

READ  Fabien Galthié: “La migliore squadra del momento”

Hai già battuto lo Stade Toulousain in questa stagione…
Li abbiamo battuti in un big match, con un’intensità pazzesca, qui al Matmut Atlantique (31-28). Ci eravamo preparati a giocare un big match contro di loro, una partita della fase finale, e anche loro. Venerdì sarà una partita completamente diversa, ma noi saremo pronti. Per ora è 1-1. Spero che alla fine sarà 2-1 per noi. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *