Jeremy Davidson, allenatore del Castres, dopo la vittoria contro La Rochelle: “La squadra non aveva dubbi”



Jeremy Davidson (allenatore del Castres, dopo il Vittoria del CO contro La Rochelle, 25-24) : “I giocatori hanno risposto. Erano bravi nella conquista, piuttosto dominanti nel corpo a corpo. Hanno messo gli ingredienti necessari per vincere. Eppure abbiamo preso duri colpi alla testa, tre tentativi respinti, La Rochelle che è tornato a fine partita, segnando… Abbiamo dovuto dimostrare molto carattere per vincere e sono molto orgoglioso della squadra. Ovviamente non è tutto perfetto, bisognerà lavorare sulle palle perse, sulle quali La Rochelle segna due mete.

(Sulla ripresa mentale della sua squadra rimasta alle cinque sconfitte di fila) È più facile (rispondere) quando sei con le spalle al muro e devi assolutamente vincere. Anche alle 14 i giocatori hanno risposto. Ieri abbiamo detto alla squadra che non dovevano esserci dubbi. E la squadra non ha avuto dubbi fino alla fine. Dovevamo assolutamente vincere per avere ambizioni a fine stagione, quando mancavano cinque partite. »

Adrien Séguret (centro di Castres): “C’è molto orgoglio. Soprattutto ripensando alla sconfitta contro il Racing (21-23, 19a giornata) dove le cose erano andate diversamente… Questa sera sono orgoglioso del gruppo, della nostra reazione, contro i due campioni d'Europa. Non avevamo dubbi. Prima della partita ci eravamo detti che non avremmo avuto dubbi. Sapevamo che sarebbe stata dura, che dovevamo mantenere la calma. E alla fine della partita, quando abbiamo effettuato questa meta a 10 minuti dalla fine, ci siamo riuniti, ci siamo detti “Mancano 10 minuti, è davvero tanto tempo!” « . Sapevamo che ci sarebbero rimasti 3 minuti, che avremmo segnato e alla fine avremmo mantenuto il punteggio. Avevamo meno paura che contro il Racing. Per quello ? È difficile da descrivere, è un'energia collettiva.

READ  OM e Benfica chiedono la circolazione dei propri tifosi in Europa League

Volevamo metterli sotto pressione calciando perché Antoine Hastoy (tornato questo sabato in sostituzione di Brice Dulin) non ha necessariamente la stessa copertura del campo di Dulin. Volevamo giocare nelle zone giuste. Nel secondo tempo ci siamo riusciti in un altro modo, portando palla, con la grande attività dei nostri “grandi” in particolare. Il rovescio della medaglia, invece, è la mancanza di realismo, la mancanza di pazienza. E contro questo tipo di squadre non abbiamo avuto 40 occasioni quindi eravamo caldi quando avremmo potuto fare una partita più comoda. Vedremo in futuro se questa partita sarà fondamentale per il nostro finale di stagione. »

Will Skelton (2a fila di La Rochelle) : “Abbiamo dato troppe opportunità (a Castres). Troppe possibilità di entrare nelle nostre 22 yard e loro ne hanno approfittato per segnare. Abbiamo vissuto dei momenti molto belli durante la partita, ma anche alcuni brutti. Non era abbastanza. Abbiamo fatto scelte sbagliate. Non volevamo trattenerci dal giocare, volevamo accelerare, giocare un buon rugby e abbiamo fatto buone cose contro vento. Ma ci sono stati momenti chiave che ci siamo persi, in cui non siamo stati spietati. Penso che dobbiamo concentrarci su questi momenti perché abbiamo perso solo per un punto e, a parte qualche occasione migliore, avremmo potuto vincere. Giocheremo contro il Tolone il prossimo fine settimana, quindi dovremo assicurarci di vincere questo tipo di partite e mettere a posto le cose che funzionino. Ciò che stiamo facendo ora non funziona. »

READ  OM - Benfica Lisbona: a che ora e su quale canale vedere il ritorno dei quarti di finale di Europa League?



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *