Joel Embiid trasporta Philadelphia, Phoenix conserva la speranza di evitare i play-in, Cleveland si qualifica per i play-off



Prestazione: Joel Embiid mantiene la speranza a Filadelfia

Operato a febbraio, il ginocchio sinistro di Joel Embiid ha fatto sudare freddo il pubblico di Filadelfia venerdì contro Orlando (125-113). Mentre attaccava il cerchio poco prima dell'intervallo, il pivot americano-cameruniano è caduto sullo stesso ginocchio prima di rientrare subito negli spogliatoi. Ma nella ripresa è uscito “The Process”, iniziando con un canestro da tre punti. Autore di 32 punti, 13 rimbalzi e 7 assist, Embiid ha portato Philadelphia contro i Magic. In pieno declino senza il loro perno, i Sixers restano settimi a Est ma conservano un'ultima speranza di entrare nella top 6 a seconda dei risultati di Indiana e Orlando domenica.

Leader: Oklahoma City dice « grazie Wemby »

La leadership è cambiata nuovamente venerdì sera nella Western Conference, una partita prima della fine della stagione regolare. Facile vincitore di Milwaukee (125-107), senza Giannis Antetokounmpo (polpaccio), Oklahoma City ha ricevuto il primo posto avvolto in una bella carta regalo da San Antonio, dove Denver è caduta con sorpresa di tutti contro Victor Wembanyama. Shai Gilgeous-Alexander (23 punti, 7 rimbalzi) e Chet Holmgren (22 punti, 9 rimbalzi) non si sono lasciati scappare l'occasione affondando i Bucks all'intervallo (69-50, 24esimo). Finiranno la stagione al vertice dell'Ovest davanti a Denver e Minnesota se vincono domenica contro Dallas.

L'azione: un'intercettazione (molto) costosa

L'estate scorsa, Bradley Beal era atterrato a Phoenix per riportare un titolo NBA. I Suns sono lontani da ciò ma la guardia All-Star ha offerto loro una strada meno tortuosa per raggiungere i play-off. Sul parquet di Sacramento (110-109), Beal ha curato l'ultima difesa del match contro De'Aaron Fox, con un punto di vantaggio da preservare. Con Devin Booker, ha messo alle strette il leader dei Kings prima di rubare la palla.

READ  Nessun disordine! 9 consigli per utilizzare la crema solare avanzata

Phoenix resta settima in Occidente, lottando con New Orleans, vincitrice all'ultimo minuto a Golden State (114-109), per un biglietto diretto ai play-off. I Suns non finiranno sotto l'8° posto e avranno quindi due possibilità di raggiungere la fase finale qualora dovessero disputare i play-in.

La schiacciata: LeBron James finisce il lavoro

Già sicuri di poter competere nel play-in, i Lakers hanno faticato contro Memphis (126-123), devastati dagli infortuni e costretti a schierare una squadra di serie C per molte settimane. A 44 secondi dalla fine i Grizzlies pareggiano (117-117), nonostante l'ottima partita di Anthony Davis (36 punti, 14 rimbalzi). Ma LeBron James (37 punti) ha preso in mano la situazione. Il “Re” ha messo a segno un difficile doppio passo, due tiri liberi, prima di un'intercettazione salvifica su Jack White trasformata in una spettacolare schiacciata dall'altra parte del campo. Los Angeles è ottava nella classifica occidentale e avrà due turni di play-in per provare a qualificarsi per i play-off.

Ha detto: “Molte persone pensavano che fossimo in difficoltà”

Solo per la seconda volta dalla partenza di LeBron James nel 2018, Cleveland sarà ai play-off. Donovan Mitchell (33 punti) e Jarrett Allen (29 punti, 13 rimbalzi) hanno marciato su Indiana (129-120) per suggellare il biglietto per i Cavaliers, che avranno anche il vantaggio sul campo di casa nel primo turno. “Ci sono stati momenti in questa stagione in cui molte persone pensavano che fossimo nei guai. Ma questo gruppo ha tenuto duro e ha perseverato”ha salutato l'allenatore JB Bickerstaff, alle prese con numerosi infortuni (Mitchell, Garland, Mobley…) durante l'anno e sotto la minaccia di passare il play-in all'inizio della settimana.

READ  Come pulire i bavaglini? 4 consigli che funzionano

La notte dei Blues: 13 punti e vittoria per Fournier

Già qualificato per i play-off, Dallas ha fatto riposare Luka Doncic e Kyrie Irving contro Detroit e i Pistons ne hanno approfittato per strappare una rara vittoria in questa stagione (107-89). Nel costume da sesto uomo, Evan Fournier ha segnato 13 punti (6 su 14 tiri) nella staffetta di Marcus Sasser (24 punti). Il terzino francese concluderà la sua stagione domenica a San Antonio di fronte a Victor Wembanyama (34 punti ieri sera) et Sidy Cissoko.

Nicola Batum allungherà i suoi sforzi almeno fino al play-in dopo il successo di Philadelphia contro Orlando, durante il quale ha segnato 5 punti e preso 4 rimbalzi. Sconfitto da Houston con Portland (116-107), Rayan Rupert ha segnato 4 punti e 5 assist. Entrato nella finale della G-League, Ousmane Dieng (1 palla persa) e Olivier Sarr (1 rimbalzo) ha fatto una breve apparizione per Oklahoma City contro Milwaukee (125-107).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *