John Deere Classic: Martin Trainer e Paul Barjon fuori dal taglio, Aaron Rai e CT Pan in testa


Martin Trainer non è andato lontano. Mentre è rimasto su tre tagli falliti sul circuito americano (Charles Schwab Challenge, RBC Canadian Open, Rocket Mortgage Classic), i marsigliesi hanno quasi rotto questa brutta dinamica in Illinois. Autore di un solido 67 giovedì, il 33enne, partito da 10, è partito inizialmente sulla stessa base durante questo secondo turno, facendo due birdie e nessun errore nelle sue prime sette buche. Poi questo avvio incoraggiante è stato appesantito da un doppio spauracchio subito al 18esimo per un secondo tiro finito in acqua.

Successivamente, il vincitore del Puerto Rico Open nel febbraio 2019 non è riuscito a riprendersi (uno spauracchio, un uccellino). Con questo punteggio alla pari, Martin Trainer deve quindi accontentarsi del 78° posto (-4 totale) e manca il taglio, fissato a -5, per la quarta volta consecutiva. Più tardi, il suo connazionale Paul Barjon non riuscì mai a procurarsi il biglietto per il giorno del trasloco. Così, il nativo di Dumbéa, in Nuova Caledonia, ha registrato un secondo record consecutivo di 72 (tre spauracchi, due birdie) e si colloca al 140° posto (+2).

I due al comando non si lasciano più, Springer si tira indietro

Dopo 36 buche, la vetta della classifica (-14 totali) è occupata da Aaron Rai e CT Pan. Durante il primo round, i due uomini avevano messo a segno lo stesso round di 65. Anche questo venerdì, l’inglese (otto birdie) e il taiwanese (sei birdie, un’aquila) non si sono arresi ed entrambi hanno completato il percorso della TPC Deere Run in 63 scatti: “ In realtà sono impressionato da me stesso. È abbastanza difficile quando il vento soffia a 25 o 30 km/h. Sono stato in grado di effettuare molti buoni colpi di ferro per darmi possibilità di birdie. È passato un po’ di tempo dall’ultima volta che ho giocato a 63, quindi finora è stata una buona settimana, » CT Pan ha reagito.

READ  3° allo Scottish Open, Romain Langasque sogna in grande per gli inglesi

Harry Hall attualmente occupa solo il terzo posto sul podio (-13 in totale). Seguono sei giocatori al 4° posto (-12). Comprende Eric Cole, Davis Thompson, Denny McCarthy, il dilettante Luke Clanton, Sungjae Im e Hayden Springer. In testa giovedì sera, dopo aver eguagliato il record del percorso, l’americano ha proseguito con un timido 71 (quattro birdie, due bogey, un doppio bogey). La top 10 è completata da otto golfisti che condividono la 10a posizione (-11). Questo gruppo è formato in particolare da Brendon Todd, Adam Svensson, Andrew Novak e Kevin Yu.

Spieth e Straka strappano il loro biglietto

Più avanti, Jordan Spieth ha lavorato per restituire una carta da 67 (sei birdie, due spauracchi) e qualificarsi per il giorno del trasloco. 47esimo (-6 in totale), insieme a Jason Day, il texano è una lunghezza davanti a Sepp Straka, il campione in carica che è al 59esimo posto (-5). L’austriaco ha totalizzato un punteggio di 71 (tre birdie, tre spauracchi). Riesce quindi a malapena a tagliare il traguardo, ma avrà l’opportunità di difendere il suo titolo fino alla fine questo fine settimana.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *