Jon Rahm, prima di difendere il titolo del Masters: “Mi sento fresco”



“È difficile esprimere a parole questa esperienza. Ho sentito da altri vincitori di Master e da coloro che hanno vinto altri Major che c'è qualcosa di diverso, qualcosa di speciale quando vinci qui. Posso confermare che è assolutamente vero, che il salto tra US Open e Masters è enorme.

È il torneo più grande del mondo, senza offesa per gli altri, ma probabilmente è il più visto da chi non gioca nemmeno a golf. Questo è ciò che fa la differenza. La tua notorietà aumenta notevolmente. Ma c'è anche la tradizione. Il fatto che sia l'unico luogo in cui torniamo anno dopo anno, tutte le tradizioni, tutti i cliché, tutte le storie rendono questo torneo così speciale.

“Ho sentito altri vincitori del Master dire che c'è qualcosa di diverso, qualcosa di speciale quando vinci qui. E' assolutamente vero »

Nel mio caso, l'anno scorso era il compleanno di Seve (Ballesteros, 9 aprile, giorno della sua vittoria), sempre nel giorno di Pasqua, tante le coincidenze che hanno reso l'evento così speciale. Questo è il ricordo che tengo a mente. Naturalmente, tutti i momenti in famiglia alla fine sono stati fantastici. Ho ancora una foto di me che tengo in braccio mio figlio, di me che abbraccio mio padre con mio figlio in mezzo a noi. »

Quello che gli manca da quando era sulla LIV

“Non ci ho pensato molto perché ero così concentrato su quello che dovevo fare da solo. Non c'è nessun segreto, l'ho detto tante volte, ci sono alcuni siti che mi mancano, non solo perché ho vinto, ma anche perché mi piacciono. Ed è per questo che ho giocato bene in questi tornei. Non essere a Palm Springs, Torrey Pines, Phoenix e Los Angeles non è stato facile. E continuerò a dirlo perché questi sono posti che amo. Attraversare Phoenix, vedere gli spalti e sapere che non ci sarei stato, è stato abbastanza difficile.

READ  Undici giornate di squalifica per Nahuel Guzmán (Tigres) per aver puntato un laser contro il portiere avversario

Adoro ancora il PGA Tour. Spero che un giorno potrò partecipare di nuovo. Ma alla fine avevo così tante cose da fare che la dinamica è cambiata un po’. Sono il capitano di una squadra. E' pur sempre golf. Ci sono molte cose positive che ne derivano. Mi è piaciuto molto partecipare a questi tornei. La competizione c'è ancora. Certo, i percorsi sono più piccoli, ma per vincere devi comunque battere alcuni dei migliori giocatori del mondo e giocare allo stesso livello del PGA Tour. Quindi questo non cambia.

“Adoro ancora il PGA Tour. Spero che un giorno potrò partecipare di nuovo”

È un piacere far parte di una squadra. Questo è uno dei fattori che mi ha spinto a cambiare. È bello far parte di una famiglia e avere un obiettivo comune come squadra. E godersi quelle vittorie di squadra è stato davvero, davvero divertente. È qualcosa di cui ero geloso in molti altri sport. Quando vinci individualmente, come ad esempio qui l'anno scorso, rispetti tutti gli impegni, il giorno dopo ti svegli e basta. Dopo non c'è più alcuna emozione condivisa, come quando una squadra vince il Super Bowl, le finali NBA o le World Series (baseball). »

“Tutti quelli con cui ho parlato sembrano molto entusiasti del menu, il che ha aggiunto pressione su di me, anche se non cucino. Quindi sì, sono decisamente un po' nervoso. È piuttosto intimidatorio pensare alla stanza in cui ti troverai e dover alzarti e parlare con questo gruppo di giocatori. Queste sono fondamentalmente tutte le leggende viventi di questo gioco, attive o meno. Ci sono tutti i grandi nomi di questo gioco. Quindi, anche se è meraviglioso farne parte, è comunque un po' snervante, questo è certo. »

READ  Il Real spodesta il Barça nella Liga e punta verso il titolo

“Dicono che giocare un po’ meno sia una brutta cosa. Non penso che sia così. Se dovessi valutare come mi sento oggi, mi sento fisicamente meglio rispetto all’anno scorso. Ma una volta iniziata la competizione, non ha molta importanza. Una volta che risuona lo sparo, tutto ciò che senti non ha più importanza; devi uscire sul campo e segnare. Mi sento fresco e pronto. »

Il segno che vuole lasciare nel golf

“Fortunatamente, è ancora abbastanza presto nella mia carriera per pensare all’eredità. Quindi non è qualcosa che ho costantemente in mente. Ma l'ho detto tante volte, uno dei grandi successi di Seve (Ballesteros), ecco quanto ha sviluppato il gioco in Spagna. Quando iniziò a giocare a golf, credo che nel paese ci fossero 15.000 golfisti. Quando morì erano più di 300.000, quindi se riuscissi a far sì che questo numero aumentasse, che ci fossero più opportunità di giocare in Spagna e più persone coinvolte nel gioco, in questo meraviglioso sport che tutti amiamo, sarebbe un successo. qualunque forma assuma. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *