Kalle Rovanperä guida per un soffio il rally WRC polacco, Fourmaux 4°



Kalle Rovanperä, Elfyn Evans e Andreas Mikkelsen sono impegnati in una battaglia titanica sulle strade veloci della Polonia dove le velocità medie superano facilmente i 120 km/h. Sabato a mezzogiorno, il finlandese, sostituto dell’ultimo minuto per Sébastien Ogier, ferito durante un incidente di ricognizione, ebbe la meglio sui suoi due concorrenti. Ma tutto d’un fiato visto che ha solo 4 decimi di “margine” sul compagno di squadra della Toyota Eflyn Evans, che sembra ritrovare il suo livello dopo una prima parte di stagione fiacca.

Partito in testa questa mattina, Andreas Mikkelsen ha perso due posizioni nei confronti delle Toyota nella seconda speciale di giornata ma rimane in contatto e in grado di sfruttare il più piccolo errore dei suoi avversari, 2 »7 dietro Rovanperä.

Problemi con gli spettatori fuori posto

Dietro, Adrien Fourmaux continua a esibirsi ad alto livello su queste strade che richiedono fiducia e impegno costanti. Il pilota della Ford M-Sport è ancora quarto (+15 »9) e si è dato un po’ di respiro nei confronti degli inseguitori. Il lettone Martins Sesks, schierato su una Rally1 non ibrida, occupa ancora la quinta posizione (+ 30 »7) e attualmente regge piuttosto bene al leader del campionato Thierry Neuville (6°) che è a 46 »5 dalla testa con la sua Hyundai. Per quanto riguarda Grégoire Munster (Ford M-Sport), ha continuato il suo buon impegno del giorno prima (7°), finendo a meno di dieci secondi da Neuville. Katsuta, ancora in difficoltà con la sua Yaris, è solo 8° a 1’06.

READ  Samba Diawara (Reims): “Dobbiamo avere un sentimento di vendetta verso noi stessi”

Sabato pomeriggio si dovranno disputare nuovamente le tre prove speciali del programma mattutino, nella speranza che i problemi legati al mal piazzamento degli spettatori (altra prova speciale interrotta sabato mattina) si risolvano definitivamente. Perché la lotta al vertice è di tale intensità che merita di svolgersi nel modo più leale possibile fino alla fine.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *