Kevin Mayer dopo tre eventi: “Cerco di non sbagliare obiettivo”



Sotto il cielo coperto di Roma, Kevin Mayer ha lanciato il suo decathlon su basi adatte alla sua tabella di marcia per qualificarsi alle Olimpiadi di Parigi, con un'opzione minima. Fedele a quanto annunciato, il due volte vicecampione olimpico ha disputato una mattinata controllata con i 100 m in 10.72 (vento +0.4 m/s) dopo due false partenze nella lunghezza di gara, che è stata rapidamente eliminata con un salto di 7.37 m (+2,3 m/s) gli è bastato per rimuovere le punte dopo il primo tentativo.

Al peso, dopo un riscaldamento intorno ai 15 metri, Mayer ha mancato completamente il suo primo tentativo, è caduto poco prima della linea dei 14 metri e ha messo il piede sulla barriera per invalidare il suo lancio. Il suo miglior lancio è stato il seguente, a 15,31 m, e dopo aver discusso qualche minuto con il suo allenatore Alexandre Bonacorsi, ha continuato la sua gara (15 metri all'ultimo tentativo).

« Non ero lontano dalla correzione del peso, non avevo sensazioni, ha poi spiegato. Un mese e mezzo fa facevo ogni volta 16 metri e poi ho lavorato su altri eventi. Lì mi sono perso. Pensavo di poter fare 14 metri ben inzuppato così sono uscito dall'imbarazzo al 2° tentativo, poteva andare molto peggio. »

Gletty è sorpreso, Bastien frustrato

In testa, i 2788 punti di Makenson Gletty erano meno aneddotici. Anche il 25enne decatleta è partito alla grande, battendo due primati personali. Primo nei 100 metri, vincendo l'ultima serie, quella di Mayer, con 10″55, nove centesimi in meno del suo record. La sua forma si conferma con una buona lunghezza con 7,59 m (-1,2 m/s) al terzo tentativo, 18 cm meglio del suo vecchio punteggio. Il suo peso di 16,27 m gli ha fatto desiderare di più (ha un record di 16,95 m). Non pensavo di essere così in forma, è bello, lui sorrise. Posso solo andare avanti nella direzione giusta. A causa del peso ho avuto un po' di amaro in bocca, ma andiamo avanti. Stamattina sono il leader ma mi sto divertendo, non mi preoccupo. Meno pressione ho, meglio è. »

Il terzo decatleta entrato, Téo Bastien, ha giudicato la sua mattinata “ abbastanza frustrante »: 10″91 (-0,4 m/s) sui 100 m, 7,46 m (+1,2 m/s) di lunghezza e 13,40 m di peso. Ho avuto qualche problema a liberarmi nel salto in lungo e nel lancio del peso. Forse non sono arrivato con l'approccio giusto. Ho certe ambizioni in termini di decaffeinato e totale. Mi diverto molto in pista, purtroppo non si vede nelle prestazioni. Spero di liberarmi in quota e nei 400 metri di finire con due record. »

READ  Nairo Quintana lascia il Tour de Suisse dopo una caduta durante la 1a tappa



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *