La biodiversità avrà bisogno di milioni di anni per riprendersi


L’attuale tasso di declino della biodiversità negli ecosistemi di acqua dolce supera il tasso di estinzione sperimentato alla fine del Cretaceo. Anche la natura in questi ambienti avrà bisogno di milioni di anni per riprendersi, avverte uno studio.

Tre anni fa, la Lista Rossa IUCN – che permette di valutare con precisione l’inventario globale dello stato di conservazione della biodiversità – considerava minacciate più di 28.000 delle 105.000 specie studiate. Distruzione dell'habitat, cambiamento climaticosfruttamento eccessivo, inquinamento… L'attuale crisi della vita, rappresentativa della Sesta estinzione di massa, va a merito dell'Uomo. Ma fino a che punto la natura è in cattive condizioni? E riuscirà a superarlo?

In uno studio recente, un team di biologi evoluzionisti, paleontologi, geologi e modellisti guidati dall’Università Justus Liebig di Gießen, in Germania, ha confrontato la crisi attuale con l’ultimo evento di estinzione di massa registrato. All'epoca, circa 66 milioni di anni fa, l'impatto di a asteroide al largo delle coste dell’attuale Messico aveva portato alla scomparsa di circa il 76% di tutte le specie del pianeta.

Per questo lavoro, i ricercatori si sono concentrati sul biota d’acqua dolce, che è tra i più minacciati, rappresentato da 3.387 specie di lumache fossili e viventi che abbracciano gli ultimi 200 milioni di anni. Supportati da questi dati, hanno poi stimato i tassi di speciazione e di estinzione delle specie interessate. Hanno inoltre determinato il tempo di recupero di questi biota nel tempo.

estinzione
Crediti: Adriansart/pixabay

Milioni di anni di recupero

I risultati di questo lavoro, pubblicati sulla rivista Comunicazioni Terra e Ambientesono particolarmente allarmanti.

Da un lato, perché il tasso di estinzione sperimentato 66 milioni di anni fa, che era maggiore di quanto precedentemente ritenuto per il biota di acqua dolce, è notevolmente eclissato dal tasso di estinzione attuale (tre ordini di grandezza superiore). Di questo passo, i ricercatori prevedono che un terzo delle specie viventi di acqua dolce potrebbe estinguersi entro il 2100.

READ  La foglia d'oro più sottile del mondo ha lo spessore di un solo atomo

La perdita di specie porterà naturalmente a cambiamenti nelle comunità di acqua dolce colpite, ma a lungo termine influenzerà interi ecosistemi. “Facciamo affidamento su questi ambienti funzionali per preservare la salute umana, la nutrizione e le riserve di acqua dolce”sottolinea il dottor Thomas A Neubauer, autore principale dello studio.

Un altro punto importante secondo i ricercatori: dopo l'ultima estinzione iniziata 66 milioni di anni fa, ci sono voluti complessivamente quasi dodici milioni di anni perché gli ecosistemi d'acqua dolce tornassero in equilibrio. Dato che l’attuale crisi della biodiversità sta progredendo molto più rapidamente di quella precedente, il periodo di recupero potrebbe essere ancora più lungo, avvertono gli autori.

“Nonostante la nostra breve esistenza sulla Terra, abbiamo fatto in modo che gli effetti delle nostre azioni durino per milioni di anni”conclude Thomas A Neubauer.

Nel frattempo, le nostre azioni a favore della biodiversità continuano a mancare. Un rapporto delle Nazioni Unite ha evidenziato lo scorso anno che i leader non avevano raggiunto gli obiettivi di Aichi – l’equivalente dell’accordo di Parigi sul cambiamento climatico – negli ultimi dieci anni. Questi miravano ad arrestare la perdita di biodiversità e a progredire verso la sua inversione.

Nuovi obiettivi sono in fase di negoziazione. Si prevede che vengano concordati entro la fine dell'anno.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *