La Cina apre la sua capsula contenente campioni provenienti dal lato nascosto della Luna


La capsula di ritorno della missione cinese Chang’e 6, che ha riportato i primi campioni in assoluto dal lato nascosto della Luna, è stata trasferita a Pechino e aperta per accedere al suo prezioso carico. Questo traguardo segna una tappa importante per l’esplorazione spaziale cinese e apre nuove prospettive per la ricerca scientifica sulla Luna.

Un successo storico per l’esplorazione lunare

IL La capsula Chang’e 6 è tornata sulla Terra il 25 giugno, dopo un infuocato tuffo nell’atmosfera, prima di atterrare sano e salvo sulle praterie della Mongolia Interna. Questa conclusione positiva di a Missione di 53 giorni segna un importante passo avanti per la Cina, che riporta i primissimi campioni dal lato nascosto della Luna.

Il giorno successivo, la capsula è stata trasportata in aereo alla China Academy of Space Technology (CAST) di Pechino. Lì si è tenuta una cerimonia ufficiale per celebrare questo risultato. I ricercatori hanno quindi aperto la capsula ed esaminato gli indicatori tecnici chiave, un passo cruciale per garantire l’integrità dei campioni riportati. Il contenitore del campione, capace di contenere fino a due chili di materiali lunariè stato poi assicurato per la fase successiva del processo: l’analisi scientifica.

I campioni verranno prima trasferiti in strutture dedicate. Come nel caso della missione Chang’e 5, che ha riportato campioni dal lato visibile della Luna nel 2020, questi materiali verranno selezionati prima di essere resi disponibili ai ricercatori. Inizialmente, gli scienziati e le istituzioni cinesi avranno accesso ai diversi pezzi. I campioni verranno poi aperti ai ricercatori internazionali dopo un periodo di due anni.

READ  perché le donne sono le prime vittime
China Chang'e 6 luna a faccia nascosta
Un’immagine del lander cinese Chang’e 6 sul lato nascosto della Luna, scattata dal minirover della missione. Crediti: CNSA/CLEP

L’importanza scientifica dei campioni lunari

La raccolta di campioni dal lato nascosto della Luna rappresenta un’opportunità scientifica senza precedenti. E non a caso, a differenza del lato visibile che è stato ampiamente esplorato e campionato, il lato nascosto offre un terreno ancora misterioso e poco studiato. I campioni riportati da Chang’e 6 permetteranno agli scienziati di farlo comprendere meglio la composizione e la storia geologica di questa parte della Lunafornendo così preziosi indizi sull’evoluzione del Sistema Solare.

I ricercatori saranno particolarmente interessati ad analizzare i minerali e gli isotopi contenuti nei campioni. Queste analisi potrebbero rivelare informazioni cruciali sui processi di formazione ed evoluzione della Luna. Inoltre, essendo meno esposto all’erosione spaziale e agli impatti dei meteoriti rispetto al lato visibile, il lato nascosto della Luna potrebbe contenere materiali più antichi e meglio conservati.

Il successo della missione Chang’e 6 rafforza inoltre la posizione della Cina come attore principale nell’esplorazione spaziale. Il programma lunare cinese, con le sue precedenti missioni Modifica 3, 4 e 5, hanno dimostrato una crescente capacità di svolgere missioni complesse e riportare sulla Terra campioni preziosi. La Cina ha anche piani ambiziosi per il futuro, comprese le missioni con equipaggio sulla Luna e la costruzione di una base lunare.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *