La Cina si prepara a sbarcare sul lato nascosto della Luna


La missione robotica cinese Chang'e 6 segna un progresso significativo nell'esplorazione spaziale con il suo ambizioso obiettivo di raccogliere campioni dal lato nascosto della Luna. Dopo aver posizionato con successo l'orbiter in orbita lunare, la missione si sta ora preparando per l'atterraggio previsto per l'inizio di giugno nel bacino del Polo Sud-Aitken (SPA), una regione lunare di grande importanza geologica.

La Cina può ancora fare la storia

La missione Chang'e 4 della Cina aveva segnato una pietra miliare storica nell'esplorazione spaziale raggiungendo il primo atterraggio riuscito sul lato nascosto della Luna 3 gennaio 2019. Il rover Yutu-2che trasportava diversi strumenti scientifici, è stato poi impiegato per esplorare la superficie lunare e raccogliere dati sulla geologia, sulla composizione del suolo e sul campo magnetico.

La Cina si sta ora preparando per un secondo sbarco sul lato nascosto della Luna nell'ambito della missione Chang'e 6. Questa volta l'obiettivo è ancora più ambizioso, poiché lo sarà raccogliere campioni in situ con l’obiettivo di riportarli sulla Terra. In caso di successo, sarà un ottimo primo.

I dettagli della missione

Si prevede l'atterraggio della navicella spaziale multicomponente cinese inizio giugno nel Bacino Polo Sud-Aitken (SPA). Chang'e 6 è attualmente in attesa di condizioni di illuminazione ottimali nell'area e sta cercando i migliori siti di atterraggio all'interno o intorno al bacino Apollo che rientra nella ZPS.

Chang'e 6 farà quindi atterrare un lander dotato di un veicolo di risalita sulla superficie lunare, mentre un veicolo spaziale rimarrà in orbita attorno alla Luna. Entro 48 ore dall’atterraggio, un braccio robotico verrà schierato per raccogliere campioni, mentre un trapano perforerà la superficie lunare nel tentativo di raccogliere informazioni geologiche.

READ  Conosci la teoria del satellite Black Knight?

Questi campioni verranno poi collocati nel veicolo di risalita che raggiungerà la nave in orbita prima che questa inizi il viaggio di ritorno. Dopo circa cinque giorni di volo, una capsula di ritorno attraverserà poi l'atmosfera terrestre per atterrare nella regione di Siziwang Banner, nella Mongolia Interna, nel nord della Cina.

Chang'e 6 chine Lune
Il bacino della Luna Polo Sud-Aitken è immenso. Crediti: NASA Goddard

La scelta della zona di atterraggio è di fondamentale importanza, essendo il bacino Polo Sud-Aitken uno di questi crateri da impatto più grandi e più antichi sulla Luna. Una delle aree candidate, denominata “criptomare”, è situata a sud del Bacino Apollo. Questa regione, parzialmente oscurata da crateri e altre caratteristiche geologiche, offre a notevole potenziale scientifico per comprendere meglio la storia termica del lato nascosto della Luna.

Confrontando i campioni raccolti da questa missione con quelli del lato visibile della Luna, in particolare grazie alle missioni Apollo, permetterà agli scienziati anche di comprendere meglio le differenze geologiche tra i due lati della Luna.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *