La disavventura della spagnola Laura Garcia-Caro, che si vedeva già medagliata nella 20 km di marcia



Aveva la bandiera al collo per qualche centinaio di metri, osò perfino alzare il pugno sopra la testa, e all'improvviso, il suo viso si trasformò, sbalordito, quando guardò alla sua destra: Laura Garcia-Caro si era appena accorta che una pietra a un passo dal traguardo della sua 20 km di marcia, sarebbe stata privata della medaglia di bronzo europea. Perché l'ucraina Lyudmila Olyanovska non ha fermato i suoi sforzi, anzi, è sembrata addirittura più che camminare, per superare sul filo l'avversaria iberica e prendere posto sul terzo gradino del podio, molto indietro rispetto alla coppia italiana intoccabili.



Source link

READ  Quentin Papillon, dopo la sconfitta contro gli Stati Uniti: “Sta a noi imparare da questi errori”

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *