La FIFA rivela che Emilio Nsue ha giocato illegalmente per la Guinea Equatoriale per undici anni



Il capocannoniere della Coppa d'Africa 2024 (5 gol) Emilio Nsue, ha giocato illegalmente per la Guinea Equatoriale per undici anni, secondo Documenti della FIFA dettagliando il divieto di sei mesi impostogli il mese scorso.

Questa improbabile informazione trae origine dalla decisione della commissione disciplinare della FIFA riguardante lo status del giocatore, resa il 10 maggio e pubblicata lunedì. L'attuale marcatore dell'Intercity (spagnolo D3) non avrebbe dovuto rappresentare la Guinea Equatoriale. Era già stato sanzionato, anche se la sua richiesta di cambio di nazionalità era stata respinta. Nonostante ciò, la sua selezione ha continuato a giocarlo prima che la FIFA intervenisse finalmente, undici anni dopo la decisione di respingere la sua richiesta.

La FIFA respinge la richiesta di Nsue di cambio di nazionalità

L'attaccante 34enne, nato a Palma di Maiorca da madre spagnola e padre della Guinea Equatoriale, ha rappresentato la Spagna nelle categorie giovanili, distinguendosi soprattutto ai Mondiali Under 20 del 2009. Ricordiamo che i giocatori che rappresentano un paese a livello giovanile possono richiedere di cambiare la loro appartenenza internazionale purché non abbiano giocato una partita in competizioni ufficiali con la A e finché abbiano la doppia nazionalità. Ma la FIFA ha rifiutato la richiesta di trasferimento di Nsue perché aveva ottenuto la cittadinanza della Guinea Equatoriale solo dopo aver già giocato nelle giovanili della Spagna.

READ  "Dobbiamo trattenerla a tutti i costi": eletta miglior giocatrice della stagione in D1 Arkema, Tabitha Chawinga è unanime al PSG

A quel punto, l'attaccante aveva già giocato due volte con l'ex colonia spagnola nelle qualificazioni ai Mondiali 2014 e la Guinea Equatoriale era stata multata. Nonostante queste decisioni, Nsue ha continuato a giocare per la Guinea Equatoriale, in particolare durante le qualificazioni per i Mondiali 2018 e 2022, e ha anche partecipato a tre edizioni della CAN.

La FIFA non ha spiegato perché ha improvvisamente riconsiderato lo status di Nsue, ma il 24 maggio ha privato la Guinea Equatoriale dei sei punti che aveva guadagnato nelle due partite di qualificazione alla Coppa del Mondo 2026 dello scorso novembre (contro Namibia e Liberia). Nsue aveva anche segnato il gol della vittoria durante queste due partite. È stato squalificato per sei mesi dal calcio internazionale, sebbene avesse già annunciato il suo ritiro dalla nazionale dopo la CAN a gennaio. “La FIFA non ha risposto alle domande riguardanti questo apparente errore amministrativo », sottolinea Reuters.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *