La Final Four di Eurolega si apre con gli incidenti tra i tifosi del Panathinaikos e del Fenerbahçe



Prima della partita inaugurale tra Fenerbahçe e Panathinaikos questo venerdì (18:00), la Final Four di Eurolega 2024 è iniziata sul campo extra-sportivo. Davanti alla Uber Arena di Berlino, l'arrivo dei tifosi di Istanbul ha dato luogo a incidenti: uno scontro con i tifosi greci, tutti vestiti di verde, e l'ingresso forzato di una ventina di tifosi mascherati, arrivati ​​insieme ai tifosi turchi, nella sala . Inizialmente a corto di personale, la polizia tedesca ha ripreso il controllo con l'arrivo dei rinforzi e ha arrestato un primo sostenitore di “Pana”, ammanettato a faccia in giù a terra da quattro agenti.

Dopo un gioco a nascondino nell'atrio, i tifosi turchi entrati con la forza sono stati arrestati e isolati al secondo piano prima di lasciare l'Uber Arena sotto scorta e essere caricati sui camion della polizia. Pochi metri più in là, un uomo con la maglia dell'Olympiacos – in gara alle 21 contro il Real Madrid – e una benda sul viso sembrava raccontare a un agente di polizia della sua aggressione.

L'inizio della partita è stato rinviato

L'incidente ha ritardato l'ingresso dei tifosi di entrambe le parti nella Uber Arena. Meno di un'ora prima del calcio d'inizio erano ancora bloccati davanti agli ingressi principali, furiosi. Dopo una serie di fischi, le porte finalmente si sono aperte lentamente poco prima che i giocatori di entrambe le squadre entrassero in campo per il riscaldamento. L'inizio della partita è stato posticipato di oltre 15 minuti mentre diverse migliaia di posti erano ancora deserti.

READ  Jordan Sarrou Campione francese di mountain bike per la seconda volta

Spettacolo esplosivo, la semifinale tra “Pana” e “Fener” aveva già suscitato un incidente mercoledì all'arrivo della delegazione greca. Ex allenatore dell'Efes Istanbul e ora sulla panchina del Panathinaikos, Ergin Ataman è stato aggredito e insultato dai tifosi del Fener prima che intervenisse la sicurezza.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *