La fornitura di cioccolato è minacciata da un virus devastante


Un virus minaccioso si sta diffondendo rapidamente tra gli alberi di cacao nell’Africa occidentale, mettendo a rischio la fornitura mondiale di cioccolato. Originario del Ghana, questo agente patogeno causa perdite di raccolto fino al 50%. Questa malattia è diffusa da piccole cocciniglie che si nutrono delle foglie e dei germogli degli alberi. Come combattere?

Un virus diffuso dalle cocciniglie

Virus vegetali, come Virus del germoglio rigonfio del cacao (CSSV), rappresentano una sfida importante per l’industria del cacao. Minacciano infatti la sicurezza alimentare, le economie nazionali e la biodiversità. Scoperto per la prima volta in Ghana nel 1936, il CSSV può causare perdite di rendimento dal 15 al 50%. Trasmesso da cocciniglieil virus colpisce tutte le parti della pianta cacao e provoca sintomi come bande di venature rosse sulle foglie e gonfiore di steli e radici.

Nonostante i passati tentativi di controllo, come l’abbattimento degli alberi infetti, le perdite di alberi di cacao sono state considerevoli, con oltre 254 milioni di alberi persi in Ghana negli anni ’40. Un’altra soluzione è vaccinare gli alberi contro il virus della malattia, ma ciò si rivela costoso per i piccoli agricoltori . Questo approccio riduce anche la resa degli alberi colpiti. L’idea sarebbe quindi quella di trovare il giusto equilibrio vaccinando alcuni alberi, ma non altri.

Con questo in mente, i ricercatori hanno recentemente sviluppato modelli matematici per analizzare vari fattori, come la velocità con cui le cocciniglie si spostano da un albero all’altro, con l’obiettivo di risolvere un problema cruciale: come piantare efficacemente alberi vaccinati per limitare la diffusione del virus CSSV ? Infatti, comprendendo i meccanismi di trasmissione del virus da parte delle cocciniglie, diventa possibile calcolare la distanza ideale tra alberi vaccinati e non vaccinati.

READ  Meronimia, una via di mezzo per un maggiore anonimato online
Cioccolato contro il virus dell'albero del cacao
Albero di cacao sano. Credito: UT Arlington

Due modelli possibili

Il team di ricerca ha sviluppato due tipi di modelli matematici innovativi per aiutare gli agricoltori a contrastare la diffusione del virus CSSV. Questi modelli sono progettati per consentire una pianificazione precisa della disposizione degli alberi vaccinati rispetto a quelli non vaccinati, creando un'efficace barriera protettiva.

Il primo tipo di modello tiene conto delle dinamiche di trasmissione del virus tra alberi, tenendo conto di fattori quali la distanza tra gli alberi, la densità della piantagione e i movimenti delle cocciniglie portatrici del virus. Utilizzando questi dati, gli agricoltori possono determinare la distanza ottimale alla quale dovrebbero essere piantati gli alberi vaccinati per prevenire la diffusione del virus.

Il secondo tipo di modello si basa su simulazioni al computer che incorporano variabili casuali per catturare l’incertezza e la variabilità nel processo di trasmissione del virus. Ciò consente agli agricoltori di esplorare diversi scenari e prendere decisioni informate sulla migliore strategia di semina per proteggere i propri raccolti.

Combinando questi modelli con dati empirici e osservazioni sul campo, gli agricoltori possono sviluppare piani di gestione adattati alle specifiche condizioni locali. Questi modelli sperimentali rappresentano quindi un promettente progresso nella lotta contro il virus CSSV, offrendo agli agricoltori uno strumento prezioso per farlo proteggere i loro raccolti e migliorare i rendimenti.

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Plos One.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *