La Francia battuta da Cuba nella Società delle Nazioni



Troppi errori (29, di cui 23 al servizio), poca precisione in ricezione, troppe assenze in difesa, di fronte ad una squadra cubana rinvigorita dal ritorno della sua stella, il centrale Robertlandy Simon: i Blues non sono riusciti a prendere il comando sfida fisica imposta da Cuba, questo sabato a Ottawa (Canada), cedendo al tie-break (18-25; 25-20; 25-23, 22-25; 10-15).

Per la sua terza partita nella capitale canadese, la seconda in meno di 24 ore, la Francia ha presentato cinque nuovi titolari, oltre al passante Benjamin Toniutti e al centro Joris Seddik, già presenti nelle formazioni titolari durante le vittorie davanti a Italia et nei Paesi Bassi. Théo Faure (23 punti, 20/36 in attacco, 3 ace), particolarmente prezioso nel terzo set, in prima linea Timothée Carle (20 punti, 18/38 in attacco), alla sua prima partecipazione quest'anno in Nations League, Associati a Kevin Tillie (8) in attacco-ricezione, Daryl Bultor (8) al centro e Benjamin Diez nel libero sembravano trovare il loro aggiustamento dopo un round, in particolare nel muro.

Ma gli attacchi combinati dell'ex Chaumontais Marlon Yant (23 punti) e del capitano Miguel Lopez (21), ben supportati dal Poitevin Javier Concepcion (14) allora dall'ex Chaumontais Osniel Melgarejo (9), non si sono indeboliti e hanno finito per avere la meglio i campioni olimpici, un anno dopo la vittoria per 3-0 in questa stessa competizione a Orléans. Gli ingressi di Antoine Brizard, Yacine Louati (5 punti), Trévor Clévenot e Quentin Jouffroy, sebbene decisivi al servizio (4 punti, di cui 2 ace), non hanno permesso di rovesciare i cubani in cerca della qualificazione olimpica.

READ  Brice Donat nuovo allenatore del Nizza

La Francia registra quindi la seconda sconfitta in Nations League (cinque vittorie), prima dell'ultima partita della fase nordamericana, contro l'Argentina domenica (20:30).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *