La Francia conclude la fase a gironi della Nations League con un successo al tie-break contro il Brasile



Vincendo in cinque set (25-23, 27-29, 13-25, 25-19, 18-16) domenica contro il Brasile (7°), la squadra maschile francese (6°) guidata da Andrea Giani ha concluso perfettamente la sua fase preliminare della Società delle Nazioni, l’ultima competizione ufficiale prima delle Olimpiadi del 2024 dove cercherà di conservare il suo titolo. Privi ancora di Earvin Ngapeth, presente in tribuna, i Blues hanno ottenuto l’ottava vittoria in dodici partite di stagione regolare, consolidando il proprio posto nella top 8.

Di fronte al Brasile, il giorno dopo sconfitta contro il Giappone (3-2)era solo una questione per i campioni olimpici “per trascorrere del tempo sul campo e abituarci alle battaglie che ci attenderanno ai Giochi”, come ha spiegato Loïc Geiler, vice allenatore della Francia, prima dei due incontri. Sapevano di essere qualificati per la fase finale che si svolgerà a Lodz (Polonia) dal 27 al 30 giugno prima dell’ultima partita del girone. Questo successo dovrebbe comunque consentire loro di evitare di affrontare i locali nei quarti.

Il blues come dilettante

Inizialmente solidi nel servizio, i compagni di squadra di Kevin Tillie hanno successivamente preso il controllo (+3) di un primo set molto più serrato. Dopo una serie di fallimenti (linea dei 3 metri morsicata, errori diretti al servizio), è stato il giovane Joris Seddik (18 anni) a rimettere in carreggiata i Tricolores grazie ai nervi nei lanci e ad un contro vincente che ha concluso il raduno del primo turno. I Blues sono tornati sul 21-21 dopo essere rimasti indietro di 4 punti. I francesi si avventano sugli errori nel finale di Bruno, il capitano brasiliano, a sua volta dietro la linea, si aggiudica il primo set (25-23) grazie al pugno di Théo Faure.

READ  Grandi condizioni stanno arrivando a Teahupoo

Tra due avversarie garantite per la fase finale della Nations League e per le Olimpiadi del 2024, l’abbraccio non si è allentato agli ottavi. Se il più delle volte riuscivano a conquistare punti negli scambi, i Blues, troppo inconsistenti al servizio, a volte privi di aggressività in contropiede, non sono riusciti a raggiungere il break. Hanno fatto il loro meglio al 4° set ball brasiliano (27-29). Non ci aspettavamo, quindi, di vederli perdere completamente l’equilibrio in un terzo set perso 13-25 dove non sono riusciti ad aggirare il muro avversario.

Un servizio fiacco poi deciso

Abbiamo dovuto aspettare il set successivo per vedere le scosse dell’allenatore che in precedenza aveva provato a rubargliele durante un timeout – “Questo è un allenamento o una partita? » – e i cambiamenti danno i loro frutti. I Blues hanno ritrovato la loro brillantezza offensiva (4° set vinto 25-19) e hanno spinto il Brasile in un quinto round folle e decisivo. Spinta in ricezione, la Francia, sotto 13-10, è tornata a 13 pari, prima di sprecare due match point, colpa di tanti servizi sbagliati (Seddik, poi Faure). Un asso arrabbiato di Quentin Jouffroy li ha finalmente liberati (18-16).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *