La Francia si mette alla prova sull'erba al Salto Internazionale di La Baule


Quando è quasi finito, c'è un quadro rurale, che l'elegante Pierre de Brissac, presidente del Salto Internazionale di La Baule, ama contemplare: cavalieri che ricevono fiori, ma soprattutto cavalli che pascolano l'erba. “È comunque carino, vero? » Non è la sabbia di fibra dove sabato sera, nei pressi di Cannes, si saranno esibite altre crew altrettanto illustri.

Questo è il grande mondo dei cavalli, capace di offrire due gare a cinque stelle, racchiudendo quasi tutto ciò che di meglio produce, nello stesso fine settimana, ai due estremi dello stesso paese: una gara di salto ostacoli a Cannes con Longines, molto dotata , palcoscenico di un circuito privato dove sono invitate anche le coppie meno snob che acquistano, tramite “paycard” la loro presenza, e uno CSIO sull'erba di La Baule sponsorizzato Rolex. La “o” è importante, sottolinea la competizione che ha ricevuto l'imprimatur nazionale, quello ufficiale della Francia. “Tutto non è fatto soltanto d’oro e d’argento, scivolate di Brissac, troppo educato per lanciarsi in una partita comparativa. La diversità fa bene, mostra le dinamiche di un settore, permette a ognuno di scegliere secondo i propri criteri. »

Costruire una squadra prima delle Olimpiadi

A Cannes spunta e sale il leader indiscusso del ranking mondiale, lo svedese Henrik Von Eckermann, secondo l'inglese Ben Maher campione olimpico in caricama anche il numero quattro, il normanno Julien Épaillard che ha un biglietto di giustificazione da presentare: Dubai du Cèdre, il suo cavallo di testa, non ama rischiare le zampe sull'erba (che non è la superficie scelta per Versailles).

READ  Paulo Fonseca (Lille), dopo la sconfitta contro il Monaco in Ligue 1: "Dobbiamo restare positivi"

A La Baule, il numero tre, gareggeranno Steve Guerdat e quasi tutti quelli al seguito, Simon Delestre e Kevin Staut.  » È incomprensibile, afferma lo svizzero Steve Guerdat, Questo è un grosso punto debole nella presentazione del nostro sport, la federazione internazionale dovrebbe chiarirlo. » Il corridore non frequenta mai il lucroso e tanto diffamato Longines Global Tour, soprattutto da quando ha partecipato anche a competizioni collettive. “Non è lo sport che voglio fare, non mi interessa sparare nei sandbox di Monaco o Saint-Tropezprecisa. L'anima e l'atmosfera di una competizione che mi fa venire la pelle d'oca ogni volta mi motiveranno sempre più del denaro. »

“Tutte le coppie, a giugno, devono arrivare in forma con la propria vita”

Henk Nooren, allenatore olandese dei francesi

Il campione olimpico londinese ha una passione particolare per la Coppa delle Nazioni, uno dei due momenti parossistici della tre giorni di eventi, con il gran premio finale domenica. A un mese e mezzo dalle Olimpiadi, nove paesi, tra cui gli svizzeri, ma anche americani, svedesi e tedeschi, verranno a mettere un po' più di cemento nella costruzione della loro squadra olimpica.

READ  A Paderborn torna a colpire la Mbappé mania

“Tutte le coppie, a giugno, devono arrivare in forma nella loro vita”, riassume Henk Nooren, l'allenatore olandese dei francesi. Julien Épaillard e Simon Delestre hanno quasi timbrato il loro biglietto, ma in questo sport, il rischio e la superstizione fanno sì che la punzonatura avvenga all'ultimo momento. Le giacche azzurre difficilmente hanno rassicurato nel corso delle ultime uscite collettive. Nooren, grande medaglista, vorrebbe tanto selezionare in tre, l'esperto Kevin Staut, dal cuore molto blu-bianco-rosso, ma il suo cavallo di punta Viking, assente a La Baule, è fragile. Olivier Perreau, François-Xavier Boudant e il veterano Roger-Yves Bost, persino Grégory Cottard, Marc Dilasser e Olivier Robert credono ancora nella loro fortuna.

Questa è l'ultima seduta o quasi. Poi, tra due settimane, rimarranno solo Rotterdam e Parigi, due gare in contemporanea. Con quest'arte necessaria, per il personale federale, a poter confrontare le coppie senza vederle direttamente contrapposte. Dal verde pendio di La Baule uscirà quindi solo un pezzo di verità.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *