La ghigliottina è dolorosa?


La ghigliottina, emblema della Rivoluzione francese, era un dispositivo progettato per decapitare rapidamente gli individui con una grande lama cadente. Sebbene spesso associato ai rivoluzionari francesi del XVIII secolo, rimase in uso in Francia fino alla fine del XX secolo, con l'ultima esecuzione avvenuta nel 1977. Questo metodo di esecuzione, adottato per la sua rapidità e presunta umanità, ha sempre sollevato domande sul dolore e sulla coscienza dopo la decapitazione. Ma è stato un metodo di esecuzione doloroso?

Origini e uso della ghigliottina

La ghigliottina, un'invenzione rivoluzionaria del XVIII secolo, fu progettata per sostituire i metodi di esecuzione più barbari dell'epoca. Adottato dall'Assemblea nazionale francese nel 1792, è stata presentata come una soluzione rapida e “umana” per porre fine alla vita dei condannati. IL Il dottor Joseph-Ignace Guillotin, fervente difensore di questa macchina, la lodò per la sua capacità di provocare una morte quasi istantanea e indolore. Il suo obiettivo era garantire una fine più dignitosa ai condannati a morte.

Tuttavia, nonostante le affermazioni del dottor Guillotin, persistevano resoconti aneddotici che suggerivano che la decapitazione con la ghigliottina potesse lasciare una qualche forma di coscienza residua. Una delle storie più famose risale al 1905, quando il Dottor Jacques Beaurieux assistito ad un'esecuzione a Parigi. Dopo la decapitazione, ha affermato di aver osservato movimenti oculari e tremori alle labbra alla testa mozzata del criminale. Queste osservazioni suggerivano che la testa potesse ancora sentire o reagire dopo essere stata separata dal corpo.

ghigliottina
Il re Luigi XVI fu condotto alla ghigliottina. Crediti: Christine_Kohler/iStock

Studi scientifici controversi

Per sfatare i miti che circondano la ghigliottina, gli studi scientifici hanno tentato di esplorare la risposta del cervello alla decapitazione. Una Studio del 2013condotto su ratti anestetizzati, ha rivelato una significativa attività cerebrale fino a quindici secondi dopo la decapitazione. Questi risultati hanno sollevato interrogativi sulla possibilità che i ratti potessero provare dolore dopo la decapitazione.

READ  SpaceX fissa una data per il quarto volo del suo megarazzo Starship

Tuttavia, uno studio più recente risalente al 2023 contesta queste conclusioni. Afferma che è molto improbabile che la coscienza persista dopo la decapitazione, sia negli esseri umani che negli animali. Tuttavia, i ricercatori evidenziano i limiti di questi studi, in particolare in termini di dimensione del campione, e sottolineano la necessità di ulteriori ricerche per raggiungere conclusioni più definitive.

Pertanto, nonostante il progresso scientifico, il dibattito sulla coscienza post-decapitazione rimane aperto. Sebbene le prove disponibili suggeriscano una rapida perdita di coscienza, la verità completa potrebbe rimanere sfuggente a causa delle sfide etiche e tecniche legate allo studio di questo fenomeno negli esseri umani. Tuttavia, con l’evoluzione delle tecnologie e degli approcci scientifici, resta possibile che le scoperte un giorno facciano luce su questo enigma persistente nella storia della giustizia e della medicina.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *