La minaccia del padel e del pickleball, cinque set vincenti nello Slam: le divertenti dichiarazioni di Djokovic a Wimbledon



Come spesso accade, non per niente Novak Djokovic si è recato alla conferenza stampa sabato sera dopo la sua qualificazione agli ottavi di finale a Wimbledon. Il serbo, che ha impiegato più di tre ore e quattro set (4-6, 6-3, 6-4, 7-6 (3)) per superare l’australiano Alexei Popyrin al terzo turno, ha espresso in particolare la sua preoccupazione per il futuro del tennis.

“Su un campo da tennis puoi costruire tre campi da paddle. Fate i conti, per il proprietario del club è molto più redditizio avere questi terreni »

“Se non facciamo nulla a livello globale, tutti i club di tennis verranno trasformati in club di paddle o pickleballè scivolato il 2° giocatore al mondo. In termini di innovazione nel nostro sport, al di fuori dei tornei del Grande Slam, dobbiamo trovare un modo per attirare un pubblico giovane. Se guardi alla Formula 1, ad esempio, e a ciò che hanno fatto in termini di marketing, crescita, corse in tutto il mondo e popolarità… penso che dobbiamo fare meglio sui nostri rispettivi circuiti. Gli Slam andranno sempre bene, ma penso che i nostri circuiti debbano fare meglio. Se non facciamo qualcosa, a livello globale o collettivo, il padel e il pickleball convertiranno tutti i club di tennis. Perché è più economico. Su un campo da tennis puoi costruire tre campi da paddle. Fate i conti, è molto più redditizio per il proprietario del club avere queste terre. »

READ  Stagione finita e “compromesso europeo” per Zakaria (Monaco), infortunato ad una coscia

Discussa la remunerazione dei giocatori

Argomento molto spinoso, Djokovic ha parlato anche della distribuzione delle vincite tra tutti i giocatori. “Dobbiamo aumentare il numero di giocatori che vivono di questo sportha assicurato il serbo. Ci sono solo dai 350 ai 400 giocatori, uomini e donne, singoli e doppi, che vivono di questo sport su questo pianeta. Questo è molto preoccupante per me. L’attenzione è sempre rivolta ai vincitori del Grande Slam, ma per quanto riguarda il livello base? Stiamo ancora facendo un pessimo lavoro in questo… davvero un pessimo lavoro. Il tennis è uno sport globale ed è amato da milioni di bambini che prendono in mano una racchetta e vogliono giocare, ma non lo rendiamo accessibile e conveniente. »

« Potrebbe essere opportuno considerare di disputare i primi turni al meglio di tre set, poi si passerebbe al meglio dei cinque set dagli ottavi o dai quarti di finale »

Messo regolarmente in discussione quando si parla dell’attrattiva del tennis, il caso delle partite in cinque set vincenti è stato affrontato sabato sera anche da Djokovic. Con una proposta piuttosto sorprendente del serbo. “L’unica cosa che penso è che potrebbe essere una buona idea considerare che i primi turni possano essere giocati al meglio di tre set, per poi passare dal meglio dei cinque set agli ottavi o ai quarti di finale. Questa è solo la mia opinione. Penso che le partite da cinque set siano ciò che entusiasma sia i giocatori che il pubblico. Alla maggior parte delle persone piace vederlo. Come giocatori, anche noi adoriamo giocarci e li sosterrò sempre. »

READ  Héléna Cazaute, dopo la finale di Champions persa col Milan: "Possiamo essere orgogliosi, ma è ovviamente una delusione"



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *