La nuova straordinaria fotocamera della NASA


Alcuni mesi fa, l'Agenzia spaziale americana (NASA) ha presentato una nuova fotocamera la cui natura potrebbe sorprendervi. Questa fotocamera, il cui scopo è scoprire i segreti della formazione delle galassie e la natura della materia oscura, ha un sensore di solo poche decine di pixel.

Uno spettrometro microcalorimetrico

Lanciato alla fine del 2021, il telescopio spaziale James Webb è caratterizzato da una definizione dell'immagine di 122 megapixel. Tuttavia, l'ultima fotocamera della NASA è dotata di un sensore di soli 36 pixel. Chiamato Resolve, questo apparecchio è in realtà un spettrometro microcalorimetrico in grado di misurare piccole variazioni di temperatura. Tuttavia, il dispositivo non si limita a catturare immagini. Infatti, il suo rilevatore permette di misurare la temperatura di ogni raggio X che lo colpisce. In altre parole, Resolve garantisce una precisione senza precedenti per l'analisi della composizione chimica oggetti osservati, in particolare buchi neri supermassicci.

Il dispositivo in questione è l'elemento centrale del Missione di imaging a raggi X e spettroscopia (XRISM) della NASA, svolto in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea (ESA) e l’Agenzia spaziale giapponese (JAXA). La missione è già iniziata, il satellite è stato lanciato dal centro spaziale di Tanegashima (Giappone) nel settembre 2023. Inoltre, devi sapere che la missione integra anche altre apparecchiature : l'Xtend, un imager a raggi X.

Spettrometro XRISM
Crediti: NASA

Cosa spera la NASA?

“XRISM fornirà alla comunità scientifica internazionale nuove informazioni sul cielo nascosto dei raggi X. Non solo vedremo le immagini a raggi X di queste fonti, ma ne studieremo anche la composizione, i movimenti e gli stati fisici. »ha affermato Richard Kelley, il principale investigatore della missione presso il Goddard Space Flight Center della NASA. in un comunicato stampa pubblicato nel gennaio 2024.

READ  La foresta più antica della Terra ha quasi 400 milioni di anni

Ogni pixel dello spettrometro Resolve genera uno spettro di dati visivi che copre un ampio intervallo di energia, ad es. da 400 a 12.000 elettronvolt. Il dispositivo può quindi percepire i movimenti degli elementi all'interno di un bersaglio con una prospettiva quasi tridimensionale. In effetti, lo spettrometro è capace di identificare gli elementi presenti in una specifica regione dello spazio, per valutarne la temperatura, ma anche per identificarne le proprietà fisiche o i gas e i materiali che vi si trovano.

Per la NASA, mappare i movimenti della materia con una precisione senza precedenti può aprire nuove porte nel campo dell’esplorazione spaziale in generale. Ciò consentirà, in particolare, di comprendere i flussi di gas caldo negli ammassi di galassie o seguire il movimento degli elementi in ciò che resta esplosioni di supernova.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *