la pillola per uomini, presto realtà?


Pillola contraccettiva orale, dispositivi intrauterini ormonali o di rame (IUD), impianti contraccettivi, iniezioni ormonali, diaframmi, spugne contraccettive… L'onere contraccettivo e il controllo delle nascite sono finora ricaduti principalmente sulle donne (80% in Francia). Quest'ultima ha dovuto fare i conti anche con gli effetti collaterali legati ai contraccettivi femminili (cambiamenti di umore, aumento di peso, diminuzione della libido, rischio di coaguli di sangue e malattie cardiovascolari, ecc.). Tuttavia, la scienza sta lavorando da diversi anni lo sviluppo di una contraccezione maschile affidabile ciò consentirebbe così una maggiore partecipazione degli uomini alle decisioni riguardanti la pianificazione familiare e la condivisione della responsabilità in materia di contraccezione.

E infatti un team di ricercatori ha appena rivelato di aver fatto un passo avanti significativo che potrebbe segnare una svolta significativa nel campo della salute riproduttiva e dei metodi contraccettivi.

Una svolta nella contraccezione maschile

Attualmente, le soluzioni contraccettive per gli uomini lo sono piuttosto limitato e spesso poco conosciuto. Tra questi rientrano principalmente il preservativo, che impedisce fisicamente agli spermatozoi di incontrare l'ovulo, ma che può rompersi, e la vasectomia, un intervento chirurgico che blocca i vasi deferenti. Talvolta vengono utilizzati anche metodi di astinenza (coito interrotto o coito interrotto) durante il rapporto sessuale e il calendario, ma dimostrano molto meno affidabile per monitorare la fertilità e i rischi della gravidanza.

Infine, alcuni ricorrono alla contraccezione termica (in particolare agli slip riscaldati), una tecnica non invasiva che prevede l'applicazione di calore ai testicoli per ridurre temporaneamente la produzione di sperma o anche l'iniezione intramuscolare settimanale di testosterone, più marginale. comunque, il opzioni di farmaci orali senza rischi per la salute del paziente stanno diventando sempre più rari sul mercato.

READ  La Cina seleziona nuovi astronauti per il suo sbarco sulla Luna nel 2030

Contraccettivi non ormonali

È qui che entra in gioco il lavoro degli scienziati della Facoltà di Medicina della Baylor (Stati Uniti), che hanno sviluppato un soluzione contraccettiva non ormonale piuttosto promettente. « Per questo studio, ci siamo concentrati su un nuovo approccio identificando una piccola molecola capace diinibiscono la molecola della serina/treonina chinasi 33 (STK33).una proteina essenziale per la fertilità sia nell'uomo che nei topi « , spiega il dottor Martin Matzuk, direttore del Center for Drug Discovery e presidente del Dipartimento di Patologia e Immunologia dell'università americana.

Ricerche precedenti lo hanno effettivamente stabilito STK33 è necessario per la formazione di spermatozoi funzionali. Nei topi, l'alterazione induce quindi sterilità a causa di spermatozoi che diventano anormali e scarsa motilità degli spermatozoi. Anche una mutazione del gene STK33 negli esseri umani produce gli stessi effetti. E soprattutto queste mutazioni non provocano alcun effetto negativo, nemmeno rischiando di ridurre le dimensioni dei testicoli. “ STK33 è quindi considerato un obiettivo praticabile con problemi minimi di sicurezza per l’uso negli esseri umani. », stima il dottor Matzuk che aggiunge che “ Sono stati descritti inibitori di STK33, ma nessuno era specificamente dedicato a STK33 o abbastanza potente da interrompere chimicamente la sua funzione negli organismi viventi. » Il team si è quindi messo alla ricerca di un buon candidato.

Metodi contraccettivi contraccettivi maschili pillola contraccettiva e preservativo
Crediti: TanyaJoy/iStock

Identificato un inibitore efficace

In questo caso, la tecnologia delle librerie chimiche codificate dal DNA (o DEC-Tec) ha notevolmente facilitato il lavoro di ricerca e lo ha reso possibileidentificare potenziali inibitori tra diversi miliardi di composti. Tuttavia, ciò non bastò. Gli scienziati quindi ha generato versioni modificate più stabili, efficienti e selettive. Di tutto, alla fine è stato il composto CDD-2807 che riesce a distinguersi. I test sui topi hanno poi permesso di valutare l'efficacia di diverse dosi e dosaggi parallelamente al lavoro di valutazione per determinare la mobilità degli spermatozoi, il loro numero e la loro capacità di fecondare le femmine.

READ  Importante scoperta di ossa di mammut in Austria

Tuttavia, i risultati qui sono stati molto promettenti, e questo, a piccole dosi e senza effetti dannosi (specialmente senza alcun accumulo del composto nel cervello). E soprattutto, gli effetti di questo inibitore lo sono completamente reversibile. Infatti, dopo un periodo di interruzione senza assumere CDD-2807, i topi hanno riacquistato una fertilità del tutto normale e funzionale.

I ricercatori devono ora valutare questo e composti simili nei primati prima che possa essere pienamente considerato un contraccettivo maschile sicuro ed efficace. Ricordiamo, tuttavia, che questa non è la prima volta che i ricercatori promettono una pillola efficace e sicura per gli uomini (Vedere qui O su questo collegamento) senza alla fine non ne viene fuori nulla di concreto. Resta da vedere se questa ricerca porterà davvero al marketing e alla democratizzazione nel prossimo futuro…

Scopri i dettagli dello studio ecco.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *