La scoperta di James Webb suggerisce le origini della vita


Utilizzando il telescopio spaziale James Webb, i ricercatori hanno identificato molecole organiche complesse (COM) che circondano due protostelle. Ciò suggerisce che questi elementi chiave per la formazione di pianeti abitabili e potenzialmente per l’emergere della vita potrebbero essere più comuni e diffusi nello spazio di quanto immaginassimo in precedenza.

Un materiale essenziale

IL molecole organiche complesse (COM) sono composti chimici che contengono carbonio, oltre ai gas semplici come l'anidride carbonica e il monossido di carbonio, e che partecipano a reazioni chimiche complesse. Queste molecole possono includere una varietà di strutture chimiche, da semplici catene di idrocarburi, a composti aromatici complessi, ad amminoacidi e nucleotidi che sono rispettivamente gli elementi costitutivi delle proteine ​​e del DNA.

Queste molecole organiche complesse sono considerate fondamentale per la vita come la conosciamo, perché costituiscono gli elementi costitutivi elementari della biologia. Proteine, lipidi, carboidrati e acidi nucleici (DNA e RNA) sono infatti tutti esempi di strutture composte da molecole organiche complesse. Senza queste molecole, processi biologici fondamentali come la replicazione del DNA, la catalisi delle reazioni chimiche da parte degli enzimi e il trasporto di energia attraverso le cellule non sarebbero possibili.

La presenza di COM nello spazio

La scoperta delle molecole organiche nello spazio risale a diversi decenni fa. La prima pietra miliare in questa ricerca è stata la rilevazione del metanolo, la molecola alcolica organica più semplice, nello spazio interstellare. Questa scoperta è stata fatta negli anni '70 utilizzando tecniche di radioastronomia che consentono di rilevare le firme spettrali specifiche delle molecole.

READ  Pi calcolato a 105 trilioni di cifre, un nuovo record mondiale

Da allora, il progresso delle tecnologie di osservazione, compresi radiotelescopi più sensibili e telescopi spaziali in grado di osservare in diverse lunghezze d'onda (infrarosso, submillimetrico, ecc.), ha portato alla scoperta di una crescente diversità di molecole organiche complesse in vari ambienti cosmici.

La scoperta di COM nello spazio è affascinante perché suggerisce la presenza degli ingredienti necessari per la vita come la conosciamo non sono esclusivi della Terra e potrebbero essere diffusi in tutto l’Universo. La loro presenza nello spazio, tuttavia, incuriosisce da tempo gli scienziati che cercano di capire come e dove si formano queste molecole, da qui l’interesse per questo nuovo lavoro.

universo energia oscura vuoti james webb molecole organiche
Crediti: Wirestock/iStock

Le origini cosmiche della vita

Come parte di a studioi ricercatori dell'Università di Leiden hanno gettato nuova luce su questo enigma scoprendo che queste complesse molecole organiche possono farlo forma per sublimazione del ghiacciocioè il passaggio diretto dallo stato solido allo stato gassoso senza passare per lo stato liquido.

Osservando il protostelle IRAS 2A e IRAS 23385i ricercatori hanno identificato specificamente una varietà di composti organici, come ad esempio etanolo, acido acetico, acido formico, metano, formaldeide e anidride solforosa nella fredda polvere che li circonda. La scoperta di queste molecole nel ghiaccio suggerisce che sulla superficie dei granelli di polvere fredda si verificano reazioni chimiche che portano alla formazione di COM.

Il team del James Webb Telescope ha anche notato che alcune delle molecole identificate erano state precedentemente trovate nei gas caldi attorno alle stelle in formazione. Questa osservazione supporta l’idea che questi composti siano il risultato della sublimazione e suggerisce un processo attraverso il quale queste complesse molecole organiche potrebbero essere distribuite nello spazio.

READ  Questa struttura perduta avrebbe permesso la costruzione delle piramidi

L’implicazione più interessante di questa ricerca è che queste molecole potrebbero esserlo incorporati nelle comete o negli asteroidi in formazione e trasportato attraverso le galassie. Se questi corpi celesti si scontrassero con i pianeti in formazione, allora potrebbero potenzialmente fornire gli elementi costitutivi della vita a nuovi mondi e favorire le condizioni affinché la vita emerga.

Questo lavoro evidenzia ancora una volta l’importanza del telescopio James Webb nel far progredire la nostra comprensione dell’Universo. Future osservazioni più dettagliate promettono di rivelare di più sul processo mediante il quale le molecole organiche complesse si formano e si distribuiscono nello spazio, e potenzialmente faranno luce sulle origini della vita oltre il nostro pianeta.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *