La stazione spaziale di Blue Origin ha appena superato i test chiave


IL NASA prevede di sostituire la ISS entro il 2030 e punta su aziende private per farlo. Uno dei concetti selezionati è sviluppato congiuntamente da Sierra Space in collaborazione con Blue Origin. Le due società prevedono di sviluppare una struttura spaziale di 830 metri cubi in grado di ospitare fino a dieci persone. Questo ambizioso progetto, che mira a diventare operativo nell’orbita terrestre bassa entro il 2027, ha appena superato con successo importanti test della NASA.

L'importanza del sistema di supporto vitale

Un passo cruciale nello sviluppo di una stazione spaziale commerciale è garantire che la sua sistema di supporto vitale funziona correttamente. Tali sistemi devono infatti garantire a fornitura continua di aria e acqua, nonché gestione dei rifiuti in un ambiente in cui le risorse sono limitate e ogni elemento deve essere utilizzato in modo efficiente.

La purificazione dell’aria è particolarmente essenziale per eliminare l’anidride carbonica espirata dagli astronauti e altre fonti di contaminanti. Inoltre, il riciclo dell’aria è necessario per produrre ossigeno respirabile, mantenendo così livelli adeguati di ossigeno all’interno della stazione spaziale.

Quanto all'acqua, è preziosa e va preservata il più possibile. I sistemi di supporto vitale devono quindi essere in grado di raccogliere acqua da una varietà di fonti, compreso il sudore degli astronauti, la loro respirazione e persino la loro urina. L’acqua recuperata deve quindi essere accuratamente pulita e filtrata per rimuovere contaminanti e impurità, prima di essere riciclata per un ulteriore utilizzo, compreso il consumo umano e il mantenimento dei sistemi di supporto vitale.

Questi sistemi di supporto vitale sono quindi di vitale importanza per garantire la salute e la sicurezza degli astronauti che vivono e lavorano nello spazio. Costituiscono un passo cruciale nello sviluppo di qualsiasi stazione spaziale commerciale o habitat extraterrestre.

READ  I buchi neri supermassicci provengono da pesanti “semi” cosmici

Recentemente, quattro esperimenti condotti in collaborazione con la NASA miravano a garantire che tutti questi elementi funzionassero correttamente.

barriera corallina orbitale della stazione
Rappresentazione artistica della barriera corallina orbitale. Crediti: origine blu

Diversi test chiave

Uno dei test si è concentrato in particolare sul capacità dei filtri di rimuovere le impurità nocive dall’aria. Anche il sistema idrico è stato testato in tre modi. Il primo era a test di ossidazione del contenimento dell'acqua. Ha lo scopo di valutare l'efficacia del processo di pulizia. L’acqua recuperata può infatti contenere vari contaminanti, compresi i batteri. Questo test prevedeva l'esposizione dell'acqua contaminata a un processo di ossidazione, solitamente utilizzando agenti ossidanti come il cloro. Questi funzionano abbattendo i contaminanti presenti nell'acqua, trasformandoli in composti meno dannosi o eliminandoli del tutto.

Un'altra prova riguardava il recupero dell'acqua urinaria che contengono composti come urea e altre sostanze organiche, oltre a sali e minerali. Il processo di recupero prevede generalmente una serie di fasi, quali filtrazione, distillazione e disinfezione, volte a rimuovere i contaminanti e produrre acqua pulita e sicura.

Infine, i ricercatori hanno valutato il come veniva immagazzinata l'acqua. Il serbatoio dell'acqua deve infatti essere progettato per resistere alle condizioni estreme dello spazio mantenendo la sua integrità strutturale e preservando la qualità dell'acqua immagazzinata. I ricercatori hanno anche esaminato la facilità di accesso al serbatoio per la manutenzione e il rifornimento d’acqua, nonché le misure messe in atto per prevenire perdite o contaminazioni.

Si noti che questo non è l'unico test orbitale sulla barriera corallina riuscito di recente. A gennaio Sierra Space aveva infatti gonfiato il suo modulo di stazione LIFE (Large Integrated Flessibile Ambiente). fino all’esplosione per valutarne i limiti. LIFE aveva quindi superato le raccomandazioni della NASA. Il successo di questi test dimostra quindi la fattibilità e l'affidabilità dei sistemi sviluppati per questa futura stazione spaziale commerciale.

READ  Il lander SLIM sopravvive ad una seconda notte lunare





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *