La svolta avvicina le ovaie artificiali alla realtà


I ricercatori hanno raggiunto una pietra miliare cruciale nel progetto Human Cell Atlas lanciato nel 2016, creando la prima mappa spaziale di tutti i diversi tipi di cellule che compongono un’ovaia umana. Questo risultato fornisce informazioni dettagliate su come funziona questo organo vitale e potrebbe aprire la strada allo sviluppo di ovaie artificiali in futuro.

Un atlante delle cellule umane

Il progetto Atlante delle cellule umane è un'iniziativa globale lanciata nel 2016 con l'obiettivo di creare un riferimento completo delle cellule umane. Il suo obiettivo è quindi principalmente quello di mappare e caratterizzare tutte le cellule che costituiscono il corpo umano per comprendere meglio il loro funzionamento, la loro interazione e il loro contributo alla salute e alle malattie.

Questo progetto si basa sulla collaborazione tra ricercatori di tutto il mondo, provenienti da vari campi scientifici come la biologia cellulare, la genomica, la bioinformatica e la medicina. Utilizzando tecniche avanzate di sequenziamento genetico, imaging cellulare e bioinformatica, gli scienziati lavorano insieme per mappare e analizzare i miliardi di cellule che compongono il corpo umano.

Questa iniziativa innovativa offre un notevole potenziale per far progredire la nostra comprensione dei processi biologici fondamentali, dei meccanismi delle malattie e dei trattamenti medici. Dal suo lancio sono state fatte scoperte straordinarie, inclusa la complessità interna del cervello umano osservando la crescita delle dita delle mani e dei piedi.

Recentemente, questo atlante ha permesso agli scienziati di beneficiare di a visione approfondita del funzionamento delle ovaienonché i potenziali problemi associati.

Verso la creazione di ovaie artificiali

Nel dettaglio, è risaputo che le donne nascono con tutti gli ovuli che avranno mai. Tuttavia, la maggior parte delle strutture produttrici di uova, chiamate follicoli, non produrne mai. Fino ad ora, le ragioni di questo fenomeno sono rimaste in gran parte misterioso.

READ  Règles – Le quiz n°56

Grazie ad una tecnica innovativa chiamata trascrittomica spaziale, un team dell'Università del Michigan è riuscito invece ad analizzare il tessuto ovarico fino al livello della singola cellula. Concentrandosi sui follicoli che producono uova, hanno poi esaminati i modelli di espressione genetica che consentono ad alcuni follicoli di avere successo dove tanti altri falliscono.

Questa ricerca ha aperto la porta a possibilità entusiasmanti. Comprendendo quali geni sono espressi negli ovociti, gli scienziati potrebbero potenzialmente alterare questi geni per creare follicoli funzionali. Questo progresso potrebbe quindi portare a sviluppo di ovaie artificiali che potrebbe essere reimpiantato nel corpo, offrendo così una soluzione promettente all’infertilità.

ovaie
Il piccolo ovale che puoi vedere in questa immagine fluorescente di un follicolo ovarico è un ovocita, una cellula uovo immatura. Crediti: Università del Michigan

Attualmente esiste una versione di questa procedura, ma presenta limitazioni significative. Il tessuto ovarico congelato per proteggersi da alcuni trattamenti medici può effettivamente essere reimpiantato per ripristinare temporaneamente la produzione di ovociti, ma la maggior parte dei follicoli non sopravvive al processo. La creazione di ovaie artificiali funzionali potrebbe quindi rappresentare un miglioramento significativo di questa tecnica.

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Progressi della scienza.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *