Lacazette ha fatto ancora una volta molto male per l'OL contro il Nantes



Alexandre Lacazette faceva spesso una smorfia a porte chiuse la domenica sera alla Beaujoire. Preoccupazione dapprima, vedendo Nathan Zézé rimasto a terra, dopo il duello aereo. Nel corso dell'azione, il capitano del Lione (32 anni) si è protetto dall'impatto staccando il braccio sinistro, colpendo violentemente con il gomito il sopracciglio destro del difensore del Nantes. Mentre quest'ultimo giaceva sul prato, K.-O. e con la faccia insanguinata, Jérôme Brisard, l'arbitro principale, non si è mosso, mentre Lacazette si è preoccupato per il suo stato di salute. Nonostante la rabbia di Antoine Kombouaré, allenatore dell'FC Nantes, il signor Brisard non è andato a bordo campo per vedere le immagini. Ovviamente fiducioso, ha sanzionato Lacazette solo con un cartellino giallo (53esimo). « Non intende ferire. »lo ha scagionato poi Pierre Sage, il suo allenatore, al microfono di Prime Video.

“Gli arbitri sono ancora troppo nelle regole, poco nell'aspetto umano. »

Saïd Ennjimi, ex arbitro internazionale

Saïd Ennjimi, ex arbitro internazionale, si rammarica dell'atteggiamento di Jérôme Brisard. “Non è riprovevole dal punto di vista normativo. Il VAR lo informa solo se c'è un argomento importante. Ma quando c'è un giocatore a terra, un'eccitazione più che naturale a bordo campo, è bello guardare il video, in un momento chiave. Non sto dicendo che questo dovrebbe essere fatto in tutte le circostanze, ma molto spesso, soprattutto quando le partite sono tese. Questo ci permette di aggiungere un po' di comprensione e calmare il contesto perché il principio stesso del video è la verifica. Ciò non significa che l'arbitro cambierà la sua decisione, ma che gli verranno fornite delle argomentazioni. Gli arbitri sono ancora troppo attenti alle regole e non abbastanza all'aspetto umano. Dovranno sapersi svincolare dall'eventuale sanzione che il VAR potrebbe infliggere nei loro confronti. Quando vai a trovarlo, non è che sei in errore ma che vuoi ristabilire la giustizia. Sono dell'idea di massimizzare l'uso del VAR. Il fatto che l'arbitro principale non viaggi deve rimanere un'eccezione. Non capisco, a volte, questa mancanza di voglia di creare un legame tra panchina, giocatori e presidenti. »

READ  9 ingredienti migliori per sbarazzarsene con successo

Anche Waldemar Kita, presidente dell'FC Nantes, ha preferito astenersi dal parlare ai media. Antoine Kombouaré, il suo allenatore, è stato ricevuto nello spogliatoio arbitri dopo la partita. Se questa decisione arbitrale ha pesato così tanto sul clima dell'incontro è perché si è rivelata di gravi conseguenze. Ventidue minuti più tardi, il Lione pareggia grazie a… Lacazette, che respinge il rinvio di Zézé (75esimo).

Il « Generale » fece una smorfia con un sorriso. « Dà il suo corpo perché facciamo gol », riassume Sage, ancora al microfono di Prime Video. Fatto il danno, il Lione riesce a ribaltare definitivamente il punteggio, nell'ultimo quarto d'ora (3-1). Lacazette ha vissuto la fine della sua divertente partita a bordo campo, non dallo spogliatoio, lasciando che sia Gift Orban, il suo sostituto (86esimo), a segnare il terzo gol (90esimo + 7).



Source link

News352

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *