L’Argentina si è qualificata ai rigori per le semifinali di Copa America contro l’Ecuador


I campioni del mondo tremavano. Ma saranno nelle semifinali della Copa America. Contro l’Ecuador nei quarti di finale, gli argentini hanno dovuto passare attraverso i calci di rigore per qualificarsi alle semifinali. Ancora una volta Emiliano Martinez ha brillato in questo esercizio, respingendo due tentativi ecuadoriani. Lionel Messi sbaglia il tiro in porta.

Sono stati i compagni di squadra di quest’ultimo ad aprire le marcature grazie a Lisandro Martinez al 35′, ma l’Ecuador è tornato a eguagliarli nel momento peggiore possibile, nei minuti di recupero (90 + 1). Gli ecuadoriani, più brillanti per tutta la partita, hanno avuto l’opportunità di raggiungere le semifinali, la prima dal 1993, ma l’Ener Valencia ha trovato il palo di Martinez su rigore ottenuto al 59′. Nel finale di gara (90 + 5°) hanno avuto anche un’ultima occasione con Jordy Caicedo ma quest’ultimo non ha centrato la porta.

Emiliano Martinez ancora eroe dei rigori

Senza tempi supplementari prima della finale di questa Copa, le due squadre sono andate direttamente ai rigori. Il capitano dell’Albiceleste ha iniziato la seduta con un panenka sulla traversa. Nel frattempo, Emiliano Martinez ha respinto in rapida successione i tiri di Angel Mena e poi di Alan Minda, mentre dalla parte argentina Julian Alvarez e poi Alexis Mac Allister sono riusciti a segnare. È stato il difensore del Benfica Lisbona Nicolas Otamendi a segnare il tiro decisivo in porta e qualificare gli argentini (1-1, 4-2). Emiliano Martinez è stato votato migliore in campo ed è sollevato da questa qualificazione: “ Ho detto ai ragazzi che non ero pronto per tornare a casa. Nemmeno loro lo erano. Siamo campioni del mondo e del (sud)america, questa squadra meritava di continuare. »

READ  Lontano dalla capitale, Parigi 2024 prepara la cerimonia di chiusura dei Giochi Olimpici

In semifinale l’Argentina detentore del titolo e 15 volte vincitore del concorso, incontrerà il vincitore di Venezuela-Canada.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *