Lasciato libero dai Golden State Warriors, Chris Paul si unisce a Victor Wembanyama e ai San Antonio Spurs


Non trasformerà San Antonio in una contendente al titolo, ma è più che sufficiente per guardare in alto. Chris Paul arriva agli Spurs, un ritorno in Texas cinque anni dopo gli Houston Rockets. Ebbe appena il tempo di apprendere che i Golden State Warriors non stavano mantenendo il « Point God » e il suo grosso stipendio Rapporto Bleacher ha segnalato un accordo con il franchise di Victor Wembanyama.

L’annuncio del suo trasferimento è arrivato nel tardo pomeriggio di domenica negli Stati Uniti, in un momento in cui il suo nuovo compagno di squadra, che si sta preparando per le Olimpiadi in Francia con i Blues, doveva avere gli occhi chiusi e il telefono spento. In ogni caso, i suoi Spurs sono riusciti a realizzare uno dei grandi successi degli esordi del “free agency”. Con “CP3” hanno sia un leader di alto livello che un veterano capace di guidare i giovani speroni. O due evidenti lacune della scorsa stagione.

Paul riproporrà quanto realizzato agli Oklahoma City Thunder, squadra di ragazzini portata ai playoff nel 2020, o al Phoenix, finalista NBA nel 2022? Forse no. Il giocatore ha 39 anni ma quello che fa il portavoce di una compagnia assicurativa resta una scommessa sicura.

Ha tutta l’esperienza e l’intelligenza di gioco necessarie per fungere da staffetta per Gregg Popovich, mentre la squadra ha trascorso una stagione senza un vero leader. « Coach Pop » aveva tentato un esperimento inconcludente con Jeremy Sochan. D’ora in poi gli Spurs avranno due “generali di sala”. Paul, che combatté – e perse – molte battaglie, oltre a promettere il castello a Stephon, redatto quarto mercoledì. Campione NCAA con UConn, il 19enne sentirà improvvisamente meno pressione ora che la squadra include un veterano descritto come uno dei migliori della storia nella sua posizione.

READ  Léo Carbonneau torna per la semifinale della Coppa del Mondo U20 contro i Baby Blacks

“Wemby è il ragazzo di cui tutti parlavamo nello spogliatoio dopo una partita. Ne stavamo parlando perché tutti noi dovevamo letteralmente cambiare un po’ il modo in cui giravamo a causa sua”

Chris Paul, al Pat McAfee Show

Con undici milioni di dollari a stagione, gli Spurs hanno reclutato un mentore a un prezzo basso, considerando gli attuali prezzi NBA. Salvo grandi sorprese nel giugno 2025 – il potenziale di Wembanyama fa credere ai miracoli – l’ex stella dei Clippers abbandona l’idea di conquistare finalmente questo anello che gli sfuggiva dal draft del 2005 (una sola finale, persa, nel 2021, contro Milwaukee con i Suns). Invece, il passante di 1m83 seguirà le orme di un gigante.

« Chris Paul ha avuto un’ottima conversazione con Gregg Popovich ed è rimasto convinto della cultura del franchise e dell’opportunità di elevare il gioco di Victor Wembanyama »afferma il giornalista Chris Haynes su Twitter. “CP” vuole davvero dimostrare di essere ancora un terzino d’élite in questo campionato”.

Per l’interno francese, questa è un’altra grande avventura. Il suo viaggio sarà, per almeno un anno, al fianco di una figura del suo sport e dovrebbe rimpinzarsi di alley-oops lungo la strada.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *