Laurie Canter sblocca il suo contatore agli European Open, Julien Guerrier ai piedi del podio



Ci vorrà del tempo per sistemare questo quarto round degli European Open. La colpa è dei contendenti che sono stati disturbati dal vento e che sono apparsi a lungo tesi. Infatti, dei cinque golfisti con il punteggio più alto alla fine della giornata commovente, solo uno è riuscito a giocare sotto il par questa domenica: Laurie Canter.

Inizialmente timido (due birdie, due spauracchi dopo 14 buche), l'inglese, leader da venerdì serasoprattutto è rimasto paziente e solido, mentre i suoi avversari (Guido Migliozzi, Niklas Norgaard, ecc.) hanno ceduto successivamente, prima di dare la spinta decisiva nel finale.

Prima vittoria nel 142 partente

Grazie ad un ottimo approccio al 15° e ad una formidabile corda da 11 metri al 16°, il golfista 34enne ha realizzato due nuovi birdie e ha ampliato il divario in testa alla classifica nel migliore dei casi. Nonostante uno spavento finale e un terzo spauracchio concesso a 17, il membro della LIV si è poi assicurato il par a 18, per restituire una carta di 72 (-13 in totale) e vincere il primo titolo della sua carriera nel DP World Tour in 142 partenze.

« Questo è quello che ho sempre desiderato fare: vincere il DP World Tourha confidato Canter dopo la sua vittoria. Ora che l’ho fatto, mi si apriranno nuove opportunità. È abbastanza difficile quando senti di non farcela. So nel profondo che posso vincere. Mi sono reso conto che dovevo concentrarmi e assorbire ciò che i miei amici più stretti e la mia famiglia pensano di me piuttosto che cercare di vincere per qualcuno su Twitter. Ho cercato di non farmi sopraffare dal torneo. Oggi (Domenica)tutto si è svolto come avevo previsto, cosa che in passato non è avvenuta. »

READ  Lille e Rennes lavorano su un giovane talento camerunese

Il nativo di Bath ha vinto con due lunghezze di vantaggio sul duo (-11 totale) composto da Thriston Lawrence, autore di una grande rimonta grazie al suo punteggio di 68, il migliore di giornata (sette birdie, due spauracchi) e Bernd Wiesberger . L'austriaco ha quasi ripreso Canter nel rettilineo finale con i suoi tre birdie consecutivi racimolati tra le buche 14 e 16 (cinque in totale). Tuttavia, l'otto volte vincitore del Tour Europeo si è poi fermato, realizzando un terzo spauracchio a 17, a causa di tre putt.

Guerriero del grime nella top 10, Vaillant se ne va

Il 4° posto (-10 in totale) è occupato da Niklas Norgaard e Julien Guerrier. Il francese ha registrato un punteggio di 69 (sei birdie, due spauracchi) e ha ottenuto la sua seconda top 10 della stagione nella Prima Divisione europea al termine di questo splendido piazzamento. Il 38enne forse avrebbe potuto anche puntare più in alto senza questo mancato approccio a 18 anni.

Allo stesso modo, anche Tom Vaillant ha avuto una partita complicata. Il residente di Cannes, in difficoltà soprattutto con il putting, ha anche firmato un cartellino da 78 (cinque spauracchi) ed è sceso al 18° posto (-5 in totale). Il suo connazionale Ko Jeong weon è al 34° posto (per totale) mentre David Ravetto chiude 126° (+7).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *